3 Luglio 2015

Notes, 3 luglio 2015

Notes, 3 luglio 2015 Tempo di lettura: 2 minuti

Tommaso. Oggi memoria dell’apostolo Tommaso, Lo scettico Tommaso, che non crede alle parole dei suoi amici e che deve ricredersi quando a farsi avanti è il suo Signore (sempre Lui a prendere l’iniziativa con i suoi).

 

Tommaso a cui dobbiamo la professione di fede più bella della storia cristiana… «Mio Signore, mio Dio», dove quel “mio” vibra di un’affezione e di uno stupore infinito; infinito perché partecipa dell’infinita misericordia di Gesù, che all’incredulo amico si fa incontro con la sua usata tenerezza.

 

L’assenza di Tommaso al momento della precedente manifestazione del Signore fu un caso? Non è quel che crede san Gregorio Magno, che spiega: «No, questo non avvenne a caso, ma per divina disposizione. La clemenza del Signore ha agito in modo meraviglioso, poiché quel discepolo, con i suoi dubbi, mentre nel suo maestro toccava le ferite del corpo, guariva in noi le ferite dell’incredulità. L’incredulità di Tommaso ha giovato a noi molto più, riguardo alla fede, che non la fede degli altri discepoli. Mentre infatti quello viene ricondotto alla fede col toccare, la nostra mente viene consolidata nella fede con il superamento di ogni dubbio. Così il discepolo, che ha dubitato e toccato, è divenuto testimone della verità della risurrezione».

 

Il neretto è nostro e serve a sottolineare un passaggio tanto sorprendente quanto vero del brano citato. Quello scetticismo, il nostro scetticismo, si può trasformare in una fede più grande quando il Signore si fa incontro. Quando, con i suoi miracoli, tocca il cuore indurito dei suoi figli e lo ricolma della sua infinita misericordia. Allora l’uomo si muove, allora il suo agire vibra di dinamiche altre dall’usato meccanismo e dall’usata meschinità.

 

E partecipa di quella stupenda professione di fede che nel chiuso di una stanza, duemila anni fa, avrà commosso alle lacrime gli apostoli che, un po’ in disparte, assistevano a quello stupendo miracolo: Tommaso che tocca le piaghe di Gesù, Gesù che tocca il cuore del loro scettico amico.

2 Novembre
Del ritornare
30 Marzo
Buona Pasqua