16 Luglio 2012

L'accordo europeo, l'armageddon e le elezioni Usa

L'accordo europeo, l'armageddon e le elezioni Usa Tempo di lettura: < 1 minute

Nella notte tra il 29 giugno e il 30 giugno, in un vertice tenuto a Bruxelles,  i capi di Stato europei hanno trovato un accordo sul cosiddetto scudo anti-spread, per difendere l’economia dell’eurozona dagli attacchi della speculazione finanziaria. Il 2 luglio, sulla Repubblica, Peter Diamond, nobel per l’economia, ha commentato l’accordo con queste parole: «Qualche perplessità è comprensibile, ma lo scenario peggiore è stato evitato. Giustamente si è puntato sul consolidamento del sistema bancario perché le banche sono la base dell’ economia. Non ci sarà l’ armageddon europeo: solo in questo caso l’America sarebbe tornata in recessione e Obama avrebbe perso le elezioni. Ora queste evenienze, entrambe sciagurate, saranno evitate».