23 Febbraio 2013

La guerra in Siria e il petrolio del Golan

La guerra in Siria e il petrolio del Golan Tempo di lettura: < 1 minute

La guerra infuria, in Siria, e le pace è un miraggio. In questa temperie pare ci sia chi vorrebbe cogliere l’attimo fuggente. Mentre il governo di Damasco è in crisi e relativamente isolato dal punto di vista internazionale, qualcuno vorrebbe mettere le mani sul petrolio del Golan, al centro di contese internazionali. Così sul Corriere della Sera del 22 febbraio: «Israele, che segue la crisi [siriana] con preoccupazione dalle torrette militari sulle alture del Golan, avrebbe deciso proprio adesso di tentare lo sfruttamento petrolifero della zona catturata con la guerra del 1967. La società incaricata delle perforazioni avrebbe tra gli azionisti anche Rupert Murdoch, il magnate dei media, e come consulente Dick Cheney, l’ex vicepresidente americano. “Attribuire questa licenza – commenta il giornale economico Globes – causerà il dissenso e le critiche della diplomazia internazionale che considera il Golan territorio siriano occupato”».