6 Maggio 2022

Foreign Policy: vincere la Russia vuol dire aprire all'opzione atomica

Foreign Policy: vincere la Russia vuol dire aprire all'opzione atomica Tempo di lettura: 5 minuti

Riportiamo ampi brani di un articolo di Stephen M. Walt pubblicato da Foreign Policy, che appare ancora più istruttivo se sarà confermata la notizia dell’attacco, e forse l’affondamento, dell’Admiral Makarov, che rischia di risultare devastante per la flotta russa dopo quello alla Moskva (rischia superare una linea rossa).

“A febbraio, ho detto a Roger Cohen del New York Times: ‘Trovo difficile credere che qualsiasi leader mondiale, compreso Putin, possa prendere seriamente in considerazione l’utilizzo di armi nucleari in uno qualsiasi degli scenari che abbiamo sotto gli occhi, per il semplice motivo che ne comprendono le conseguenze’. Penso ancora che le probabilità di un attacco nucleare siano basse, ma oggi trovo più facile immaginare tale possibilità rispetto a un paio di mesi fa”.

“A suo merito, l’amministrazione Biden è stata in qualche modo consapevole del rischio di un’escalation, motivo per cui il presidente all’inizio [della guerra] ha detto che non avrebbe inviato truppe statunitensi a combattere in Ucraina. Il presupposto alla base di questa politica è che i pericoli crescenti saranno ridotti al minimo fintanto che gli americani non premeranno il grilletto per uccidere russi. Il presidente Joe Biden & co. sperano chiaramente che sia così, ed esperti militari come Lawrence Freedman sono d’accordo”.

“C’è una solida base per questa posizione. Evitare uno scontro armato diretto tra le forze statunitensi e sovietiche era una regola fondamentale non scritta della Guerra Fredda, ed era buona. Se americani e sovietici avessero iniziato a spararsi l’un l’altro in quegli anni, il rischio di un’escalation accidentale o involontaria sarebbe stato considerevole. Per ragioni simili, tenere le forze americane fuori dalla mischia è oggi la mossa giusta”.

Sfortunatamente, questa politica non è un ostacolo assoluto all’escalation indesiderata. Storicamente, gli stati aumentano il loro impegno non a causa di chi si trovano ad affrontare sul campo di battaglia, ma perché non riescono a raggiungere i loro obiettivi di guerra e quindi potrebbero trovarsi di fronte alla possibilità di una grave sconfitta”.

Quindi, dopo aver citato esempi del passato e altro, Walt ribadisce: “Il mio punto di vista è che tenere il personale americano fuori dalla mischia non elimina tutti gli incentivi all’escalation e potrebbe far apparire l’uso nucleare meno rischioso se altri incentivi iniziassero a incombere nei calcoli di Mosca”.

“Sono preoccupato anche perché Putin quando in passato ha lanciato avvisi, gli ha poi dato seguito. Nel 2008, la Russia ha chiarito che era assolutamente contraria all’adesione alla NATO dell’Ucraina o della Georgia e che avrebbe fatto tutto il possibile per impedire a entrambi gli Stati di aderire. Poco dopo è scoppiata la guerra in Georgia e da allora il conflitto congelato ha tenuto fuori discussione l’adesione della Georgia alla NATO. Nel 2014, Mosca ha chiarito ancora una volta che considerava la cacciata del presidente ucraino Viktor Yanukovich, uno sconvolgimento interno abbracciato dagli Stati Uniti, come una minaccia altrettanto seria. Ha risposto conquistando la Crimea e sostenendo una rivolta separatista nel Donbass”.

“E poi, nel 2021, le preoccupazioni per gli sforzi occidentali per armare l’Ucraina e la crescente cooperazione in materia di sicurezza tra Washington e Kiev hanno portato Putin a mettere un grande esercito al confine e a minacciare un’azione militare se le sue preoccupazioni non fossero state affrontate. Gli Stati Uniti e la NATO si sono rifiutati di riconsiderare l’impegno a far diventare l’Ucraina un membro, e sappiamo tutti cosa è successo dopo. Invece di liquidare gli avvertimenti russi come un bluff, forse Washington dovrebbe prenderli sul serio”!.

“L’invasione russa dell’Ucraina è illegale, immorale e ingiustificabile, ma non è stata qualcosa che Putin ha lanciato per capriccio. Che la campagna militare non sia andata come si aspettava non significa che l’abbia fatto per motivi banali o superficiali. Al contrario: come hanno chiarito i numerosi discorsi di Putin su questo argomento, lui e i suoi collaboratori hanno visto la deriva dell’Ucraina verso l’allineamento de facto con gli Stati Uniti e la NATO come una minaccia esistenziale – che comprendeva la minaccia di una rivoluzione colorata nella stessa Russia – e quasi certamente credevano che il tempo per fermare questo processo stesse finendo”.

“La mancata conquista di Kiev ha spostato gli obiettivi della guerra russa a est (e probabilmente ha ridotto le ambizioni generali di Mosca), ma il futuro allineamento geopolitico dell’Ucraina è stato il principale casus belli , e tale questione non è scomparsa per quanto riguarda Mosca”.

“Nel frattempo, il successo dell’Ucraina sul campo di battaglia ha portato Kiev e Washington ad espandere i propri obiettivi di guerra. Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ora dice di voler ‘vedere la Russia indebolita‘ e il presidente della Camera Nancy Pelosi afferma che gli Stati Uniti sosterranno l’Ucraina ‘fino la vittoria’. Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss è andato ancora oltre, affermando che la NATO deve ‘raddoppiare’, aggiungendo: ‘Continueremo ad andare oltre e più velocemente per spingere la Russia fuori dall’intera Ucraina’”.

“L’amministrazione Biden continua a riversare armi avanzate in Ucraina e ha ‘aperto i rubinetti’ delle informazioni di intelligence che l’Ucraina sta utilizzando, tra l’altro, per prendere di mira i generali russi. Non sorprende che anche gli obiettivi ucraini sembrino ampliarsi, fino a speranze di riconquistare i territori persi nel 2014″.

“Obiettivi bellici come questi sono emotivamente allettanti, perché molti vorrebbero punire Putin per le sofferenze che ha inflitto all’Ucraina. Sfortunatamente, il tentativo di infliggere una sconfitta decisiva alla Russia crea proprio le circostanze che incoraggerebbero un leader razionale a contemplare altre opzioni”, tra cui, appunto, quella nucleare.

“Se Putin paventa di dover affrontare una sconfitta totale, un crollo militare o addirittura la rimozione dal potere, perché non dovrebbe prendere in considerazione l’idea di alzare la posta in gioco? Sarebbe sicuramente un azzardo, ma ha già giocato d’azzardo. E probabilmente gli interessa più evitare quei risultati che la coalizione avversaria si preoccupa di infliggerglieli. Non ordinerà un attacco nucleare su larga scala, perché sarebbe suicida, ma uno sciopero dimostrativo contro un avversario non nucleare, anche se non senza seri rischi, è un’altra questione […]”.

“Washington ha tutte le ragioni, quindi, per evitare questo scenario allarmante. Non importa quanto si possa desiderare di vedere la Russia sconfitta in modo decisivo, ci sono limiti a quanto lontano si può spingere in sicurezza un avversario dotato di armi nucleari. Come ha chiarito l’esperto di sicurezza Sam Roggeveen in un saggio di marzo, ‘Se la Russia sta precipitando verso il collasso economico e militare, i leader occidentali dovrebbero pensare a come ridurre la pressione’. E possono farlo con una certa sicurezza, perché la guerra è stata di fatto una catastrofe per la Russia e accelererà il suo declino, qualunque cosa faccia adesso l’Occidente”.

“La guerra in Ucraina è una tragedia, soprattutto per i cittadini ucraini. Diventerà ancora più tragico se la Russia cercherà di salvare le sue fortune in declino risalendo la scala dell’escalation. Continuo a pensare che questa possibilità sia improbabile e spero che coloro che pensano che Putin abbia maggiori probabilità di dichiarare vittoria e cercare di ridurre l’escalation abbiano ragione. Ma sarei molto più a mio agio se i leader occidentali prendessero più seriamente la possibilità dell’uso dell’arma nucleare, ponessero fine ai loro discorsi fluidi sugli obiettivi della guerra e ponessero più attenzione sulla fine della guerra che sul raggiungimento di una vittoria indefinita, ma presumibilmente decisiva”.

“Come ho notato in precedenza, porre fine a questa guerra richiederà a tutte le parti di accontentarsi di meno di quanto desiderassero inizialmente, compresi gli Stati Uniti”.