7 Novembre 2012

Dall'Australia sentenza storica contro l'Agenzia di Rating Standard e Poor's

Dall'Australia sentenza storica contro l'Agenzia di Rating Standard e Poor's Tempo di lettura: < 1 minute

«Sentenza a suo modo storica contro Standard e Poor’s in Australia. L’Agenzia di rating Usa ha perso una “class action” dopo esser stata riconosciuta colpevole di aver assegnato in modo “fuorviante e ingannevole” un giudizio di “tripla A” su titoli derivati che si sono poi rilevati “tossici”». A sollecitare l’inchiesta sono stati dei comuni dell’Australia che hanno investito in titoli che Standard e Poor’s aveva garantito come privi rischi e che, invece, erano poi crollati miseramente. Per i giudici australiani un’agenzia di Rating «ragionevolmente competente» non avrebbe mai dato rassicurazioni su quei titoli. Così i magistrati australiani hanno condannato l’Agenzia per «negligenza e condotta ingannevole». Questa la sintesi di un articolo apparso sul  Corriere della Sera del 6 novembre, che conclude: «Secondo i finanziatori della class action, Imf Australia, la sentenza avrà ramificazioni globali».