30 Ottobre 2013

Emiri e sultani nella City A Londra il «bond islamico»

Tempo di lettura: < 1 minute

Emiri, sultani, capi di governo e manager della grande finanza islamica si ritrovano a Londra, nuova sede scelta per l’appuntamento del World islamic economic Forum al posto della consueta Abu Dhabi. Uno spostamento non solo geografico: gli investitori islamici, che hanno nel loro portafoglio circa 1.300 miliardi di sterline, si ritrovano in Gran Bretagna per immettere liquidità nell’esausto sistema finanziario inglese.

In realtà la finanza islamica da tempo ha interessi in Gran Bretagna, ma questo incontro sembra un segnale più forte e incisivo. Anche politico. Londra tenta di rilanciarsi alla grande sulla scena internazionale.