23 Aprile 2013

"Al Qaeda voleva colpire il treno per New York"

Tempo di lettura: < 1 minute

Un’operazione di polizia internazionale ha portato all’arresto di due uomini che avrebbero preparato un attentato contro la linea ferroviaria che collega Toronto a New York. La cellula terroristica era da tempo monitorata dall’intelligence, ma gli arresti sono arrivati solo ieri, anche perché si era diffuso un allarme internazionale circa il possibile risveglio di cellule terroristiche in sonno. Già per la strage avvenuta durante la maratona di Boston si era parlato di una possibile matrice di al Qaeda, ma poi si è visto che era cosa diversa, ovvero cecena. Ora, questi arresti, procrastinati di un anno dal momento in cui i due erano stati individuati, sembrano risvegliare nuovamente la paura di al Qaeda.

Perplessità suscita la notizia che i due fossero collegati a una cellula di al Qaeda residente in Iran. Se c’è un nemico di al Qaeda, la cui matrice è l’islam sunnita (anche se in realtà una sua perversione modernista, ché l’islam sunnita è ben altro), è proprio l’Iran sciita… In ogni caso gli inquirenti continuano ad indagare, alla ricerca di altri componenti della cellula terroristica.

Come continuano le indagini nei confronti dei due terroristi ceceni autori della strage di Boston. L’unico sopravvissuto dei due fratelli non è in grado di parlare a causa delle ferite riportate durante l’arresto, ma può scrivere. Gli investigatori stanno cercando di capire se i due fossero soli oppure componenti di una cellula terroristica più ampia. Difficile immaginare che due cani sciolti possano impunemente mettere in atto un attentato del genere.