10 Aprile 2013

La testimonianza della Chiesa cinese per la Chiesa universale

Tempo di lettura: < 1 minute

Appena eletto, il nuovo Papa, è andato ad abbracciare il cardinale indiano Ivan Dias che ha problemi motori, subito dopo quello cinese, John Tong, il quale gli ha regalato una statua bronzea della Madonna di Shesan, che «Benedetto XVI ha indicato come protettrice della Cina». Lo ha riferito lo stesso porporato asiatico nel corso di un’omelia, come riportato da Asia News il 9 aprile. Il cardinal Tong ha chiesto poi al Papa preghiere per la Chiesa cinese. «Il Papa ha sorriso e mi ha risposto: “I cattolici cinesi hanno dato così tante testimonianze alla Chiesa Universale”. E mi ha baciato la mano per dimostrare il suo amore e la sua devozione alla Chiesa cinese».

Il 15 marzo, in un successivo incontro, il vescovo di Roma ha parlato ancora dei cattolici cinesi al porporato asiatico, che così ha riferito: «Mi ha detto che la statua, che ora si trova nella sua stanza, gli ricorda san Francesco Saverio e il suo arrivo in Cina 460 anni fa. Ha aggiunto che non dimenticherà mai i cattolici cinesi, per i quali prega ogni giorno».