5 Aprile 2013

Papa Francesco: la preghiera fiduciosa nel nome di Gesù

Tempo di lettura: < 1 minute

Gesù: è solo «quel nome che ci salva». Così Papa Francesco nella breve omelia pronunciata durante la Messa presieduta nella Cappellina della Domus Sanctae Marthae il 5 aprile.  «Nella curia di Buenos Aires lavora un uomo umile, da 30 anni lavora; padre di otto figli. Prima di uscire, prima di andare a fare le cose che fa, sempre dice: “Gesù!”. E io, una volta, gli ho chiesto: “Ma perché sempre dici ‘Gesù’?”. “Ma quando io dico ‘Gesù’ – mi ha detto questo uomo umile – mi sento forte, mi sento di poter lavorare, e io so che Lui è al mio fianco, che Lui mi custodisce”. Quest’uomo – ha osservato il Papa – non ha studiato teologia, ha soltanto la grazia del Battesimo e la forza dello Spirito. E questa testimonianza – ha affermato Papa Francesco – a me ha fatto tanto bene». «In questo mondo che ci offre tanti salvatori», è solo il nome di Gesù che salva e «dobbiamo dare testimonianza di questo! Lui è l’unico». E, concludendo, ha ribadito che bisogna invocarlo quel nome, lasciare che lo Spirito Santo ci spinga «a fare questa preghiera fiduciosa nel nome di Gesù … ci farà bene!».

La sintesi dell’omelia è stata pubblicata sul sito della Radio Vaticana.