25 Febbraio 2013

L'ultimo Angelus del Papa e la preghiera che unisce

Tempo di lettura: < 1 minute

«Oggi, seconda domenica di Quaresima, abbiamo un Vangelo particolarmente bello, quello della Trasfigurazione del Signore. L’evangelista Luca pone in particolare risalto il fatto che Gesù si trasfigurò mentre pregava». Così Benedetto XVI ha iniziato la sua breve riflessione prima della recita dell’Angelus del 24 febbraio.

Prosegue il Papa: «Meditando questo brano del Vangelo, possiamo trarne un insegnamento molto importante. Innanzitutto, il primato della preghiera, senza la quale tutto l’impegno dell’apostolato e della carità si riduce ad attivismo. Nella Quaresima impariamo a dare il giusto tempo alla preghiera, personale e comunitaria, che dà respiro alla nostra vita spirituale. Inoltre, la preghiera non è un isolarsi dal mondo e dalle sue contraddizioni, come sul Tabor avrebbe voluto fare Pietro, ma l’orazione riconduce al cammino, all’azione. “L’esistenza cristiana – ho scritto nel Messaggio per questa Quaresima – consiste in un continuo salire il monte dell’incontro con Dio, per poi ridiscendere portando l’amore e la forza che ne derivano, in modo da servire i nostri fratelli e sorelle con lo stesso amore di Dio”».

Infine, salutando i tanti fedeli venuti a salutarlo, ha detto a quelli di lingua italiana: «Grazie! In preghiera siamo sempre vicini. Grazie a voi tutti!».