4 Febbraio 2013

Il Papa e la familiarità di Maria con l'umanità di Gesù

Tempo di lettura: < 1 minute

Il Papa, all’Angelus, ha commentato lo scandalo dei concittadini di Gesù di Nazaret di fronte al suo annuncio: «Da dove gli vengono queste cose? E che sapienza è quella che gli è stata data?» Lc (6.2). Scandalo che arriva al punto di suscitare l’odio degli uomini. Gesù, ha ricordato il Papa, «non è venuto per cercare il consenso degli uomini, ma – come dirà alla fine a Pilato – per “dare testimonianza alla verità”» (Gv 18,37).

Conclude il Papa: «È illuminante l’atteggiamento di Maria. Chi più di lei ebbe familiarità con l’umanità di Gesù? Ma non ne fu mai scandalizzata come i compaesani di Nazaret. Ella custodiva nel suo cuore il mistero e seppe accoglierlo sempre di più e sempre di nuovo, nel cammino della fede, fino alla notte della Croce e alla piena luce della Risurrezione. Maria aiuti anche noi a percorrere con fedeltà e con gioia questo cammino».