25 Gennaio 2013

Il Patriarca di Gerusalemme e la tragedia siriana

Tempo di lettura: 2 minuti

Il 24 gennaio, il Patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, ha inviato una lettera sulla tragedia siriana. La pubblichiamo integralmente. Nulla da aggiungere:

«A tutte le comunità religiose, a tutti i sacerdoti, a tutti coloro che in Siria prestano, rischiando di persona, il loro generoso servizio, ai poveri, ai sofferenti, ai feriti, a chi è bisognoso di aiuto, esprimiamo la nostra accorata vicinanza spirituale, la nostra solidarietà nella preghiera, e tutto il nostro apprezzamento per l’instancabile testimonianza di carità e di sollecitudine fraterna nel mezzo della desolazione e in circostanze così difficili.
Siamo coscienti che la Siria e i suoi abitanti stanno vivendo in quest’ora tragica il dramma della Croce che può trovare luce solo nella Croce e nella Passione di nostro Signore. La nostra voce si leva in suffragio dei morti e a difesa dei vivi, di quelli che continuano a rimanere nella loro terra e a quanti, rifugiati, hanno perso tutto e hanno dovuto abbandonare il loro paese. Il dramma degli uni e degli altri è molto grande – come ho potuto toccare con mano anche durante la mia recente visita pastorale a Mafraq, nel nord della Giordania – e non può lasciarci indifferenti. Da tanto, da troppo tempo questa situazione si protrae.
La nostra umiliazione e sofferenza più grande sta proprio nel sentirci impotenti e incapaci di intervenire per porre subito fine alla violenza e per aiutare ulteriormente le vittime.
Il nostro appello alla cessazione di ogni violenza, e ad armarsi invece di misericordia, di pietà e di compassione verso i nostri cari fratelli siriani sofferenti, si unisce a quello del Santo Padre.
Benedetto XVI continua a chiedere, e noi con lui, la preghiera per la pace perché “nei diversi conflitti in atto, cessino le ignobili stragi di civili inermi, abbia fine ogni violenza, e si trovi il coraggio del dialogo e del negoziato”.
Faccio appello a chi può intervenire per favorire un dialogo finalmente costruttivo, perché una via di uscita sicuramente c’è, se abbiamo il coraggio e la volontà di intraprenderla per amore della pace e non per altri interessi.
Maria Santissima interceda presso il Suo Figlio per queste intenzioni».