23 Gennaio 2013

Tobin tax, via libera dall'ecofin partirà tra un anno in 11 Paesi

Tempo di lettura: < 1 minute

Era l’ultimo passaggio ed è stato superato: l’Ecofin ha dato via libera alla Tobin tax, la tassa sugli scambi finanziari che prende il nome dal suo ideatore. Meccanismo semplice: ogni transazione finanziaria subisce una tassazione quasi infinitesima, lo zero virgola poco. Tanto da risultare quasi nulla nelle normali operazioni finanziarie agganciate alla produzione. Ma che risulta onerosa, almeno in piccola parte, per quelle operazioni finanziarie di tipo speculativo che vivono di una moltitudine di scambi realizzati in tempi brevi.

La nuova tassa, ha spiegato il ministro Grilli, permetterà allo Stato italiano di incassare un miliardo l’anno. Ma un conto sono le previsioni un conto sarà la realtà. Possibile che, nel frattempo, gli speculatori trovino un modo di aggirare, almeno in parte, il problema. Comunque la misura adottata dall’Ecofin ha un suo valore, tanto che il varo della legge è stato travagliato. La norma avrebbe dovuto estendersi a tutta l’eurozona, ma le resistenze di diversi Paesi hanno costretto a un compromesso: la Tobin tax sarà riscossa solo in 11 Paesi, tra cui Italia e Francia. E da gennaio prossimo, compromesso del compromesso.