12 Gennaio 2013

La guerra di Hollande Truppe e raid in Mali per fermare i jihadisti

Tempo di lettura: < 1 minute

La guerra tanto paventata, alla fine è scoppiata e infiamma il Mali. Truppe francesi sono state inviate a sostegno del governo legittimo sempre più fragile, incalzato dai guerriglieri tuareg legati ad al Qaeda che da tempo hanno occupato il Nord del Paese. Una guerra rimandata da tempo, ma che allo stato era inevitabile: dal Mali l’estremismo islamico rischiava di diffondersi a macchia d’olio nei Paesi confinanti (anche se già sono in atto legami tra questi gruppi e altri che operano altrove). Per la Francia che da sempre gode di legami privilegiati con i Paesi francofoni della regione, un simile contagio sarebbe risultato devastante.

Gli Stati Uniti e l’Inghilterra appoggiano Parigi, ma le guerre si sa quando iniziano non quando finiscono. C’è da sperare che non porti altro caos nella regione.