29 Marzo 2022

Quando la Reuters poteva denunciare il neo-nazismo ucraino...

Tempo di lettura: 5 minuti

Come appendice alla nota sul terribile video dei soldati russi torturati da quelli ucraini, riportiamo un lancio dell’Agenzia Reuters del marzo 2018 dedicato al neo-nazismo ucraino, che descrive come tale fenomeno non è limitato al solo battaglione Azov, ma è molto più diffuso e inquietante. Era il 2018 allora e da allora nulla è cambiato, anzi semmai la marea nera si è dilatata. 

Mentre la lotta dell’Ucraina contro la Russia e i suoi delegati continua, Kiev deve anche fare i conti con un problema crescente dietro le linee del fronte: vigilanti di estrema destra disposti a usare l’intimidazione e persino la violenza per portare avanti i loro programmi, e che spesso lo fanno con la tacita approvazione delle forze dell’ordine.

Una manifestazione del 28 gennaio, a Kiev, di 600 membri della cosiddetta “Milizia Nazionale”, un gruppo ultranazionalista di nuova formazione che giura di “usare la forza per stabilire l’ordine”, illustra questa minaccia. Mentre il lancio del gruppo a Kiev è stato pacifico, il giorno successivo i membri della milizia nazionale in passamontagna hanno preso d’assalto una riunione del consiglio comunale nella città dell’ucraina centrale, Cherkasy, intimidendo i deputati e costringendoli a approvare un nuovo budget.

Molti dei membri della Milizia Nazionale provengono dal movimento Azov, uno dei 30 “battaglioni di volontari” finanziati da privati che, nei primi giorni della guerra, hanno aiutato l’esercito regolare a difendere il territorio ucraino contro i separatisti russi.

Sebbene l’Azov usi il simbolismo del tempo nazista e recluti nei  suoi ranghi neonazisti, un recente articolo su Foreign Affairs ha minimizzato i rischi che il gruppo potrebbe porre, sottolineando che, come altre milizie volontarie, l’Azov è stato “tenuto a freno” attraverso la sua integrazione nelle Forze armate ucraine. Se è vero che le milizie private non governano più il fronte di battaglia, è il fronte interno di cui Kiev deve preoccuparsi ora.

Quando la conquista della Crimea da parte del presidente russo Vladimir Putin quattro anni fa ha messo in luce per la prima volta le condizioni decrepite delle forze armate ucraine, milizie di destra come l’Azov e il Right Sector sono entrate in campo, respingendo i separatisti sostenuti dalla Russia mentre l’esercito regolare ucraino si sgretolava.

Sebbene, di conseguenza, molti ucraini continuino provare sentimenti di gratitudine e ammirazione per le milizie, i gruppi più estremisti promuovono un’ideologia intollerante e illiberale che metterà in pericolo l’Ucraina a lungo termine.

Dopo la crisi della Crimea, le milizie sono state formalmente integrate nelle forze armate ucraine, ma alcune si sono opposte alla piena integrazione: l’Azov, ad esempio, gestisce il proprio campo di addestramento per bambini e la careers section istruisce le reclute che desiderano entrare nell’Azov dalle unità militari regolari.

Secondo Matthew Schaaf, direttore del progetto per l’Ucraina di Freedom House, “in Ucraina esistono numerosi gruppi organizzati di destra radicale e, sebbene i battaglioni di volontari possano essere stati ufficialmente integrati nelle strutture statali, alcuni di loro da allora hanno scorporato strutture politiche e senza scopo di lucro per implementare la loro ideologia”.

Schaaf ha osservato che “l’aumento della narrativa patriottica a sostegno dell’Ucraina nel suo conflitto con la Russia ha coinciso con un apparente aumento sia dell’incitamento all’odio pubblico, a volte da parte di funzionari pubblici e amplificato dai media, sia con la violenza nei confronti di gruppi vulnerabili come la comunità LGBT ”, un’osservazione supportata da un recente studio del Consiglio d’Europa.

Negli ultimi mesi, l’Ucraina ha subito un’ondata di vigilantismo incontrollato. L’Institute Respublica, una ONG locale pro-democrazia, ha riferito che gli attivisti sono spesso molestati dai vigilantes quando tengono riunioni legali o manifestazioni legate a posizioni politicamente controverse, come la promozione dei diritti LGBT o l’opposizione alla guerra.

L’Azov e altre milizie hanno attaccato  manifestazioni  antifasciste  , riunioni  di consigli comunali, organi di stampa,  mostre ,  studenti stranieri e rom. Attivisti progressisti descrivono un nuovo clima di paura che, secondo loro, si è intensificato dall’accoltellamento quasi fatale dell’anno scorso dell’attivista contro la guerra Stas Serhiyenko, che si ritiene sia stato perpetrato da un gruppo estremista chiamato C14 (il nome si riferisce al14 – parola-slogan popolare tra i suprematisti bianchi).

Gli attacchi brutali di questo mese alle marce della Giornata internazionale della donna in diverse città ucraine hanno portato a una dichiarazione insolitamente forte di Amnesty International, la quale ha avvertito che “lo stato ucraino sta rapidamente perdendo il suo monopolio sulla violenza”.

L’Ucraina non è l’unico paese che deve fare i conti con una rinascita di estrema destra. Ma i recenti sforzi di Kiev per incorporare gruppi armati indipendenti nelle sue forze armate regolari, così come un continuo senso nazionale di indebitamento verso le milizie per la loro difesa della patria, rendono molto più complicato che altrove il compito di affrontare la minaccia ultranazionalista. Secondo Schaaf e l’Institute Respublica, gli estremisti ucraini sono raramente puniti i loro atti violenti. In alcuni casi, come l’attacco di gennaio del C14 a una riunione in ricordo di due giornalisti assassinati, la polizia arresta invece i manifestanti pacifici.

Per essere chiari, le affermazioni del Cremlino secondo cui l’Ucraina è un vespaio di fascisti sono false: i partiti di estrema destra sono andati male alle ultime elezioni parlamentari ucraine e gli ucraini  hanno reagito  con allarme alla manifestazione della milizia nazionale a Kiev.

Ma i collegamenti tra le forze dell’ordine e gli estremisti danno agli alleati occidentali dell’Ucraina ampie ragioni di preoccupazione. La C14 e il governo della città di Kiev hanno recentemente  firmato  un accordo che consente alla C14 di istituire una “guardia municipale” per pattugliare le strade; tre di queste unità di vigilanti gestiti dalla milizia sono già state registrate a Kiev e almeno 21 operano in altre città.

In un mondo ideale, il presidente Petro Poroshenko eliminerebbe la polizia e il ministero dell’Interno dai simpatizzanti dell’estrema destra, incluso il ministro dell’Interno Arsen Avakov, che ha stretti legami con il leader dell’Azov Andriy Biletsky, così come Sergei Korotkykh, un veterano dell’Azov che ora è un alto funzionario di polizia. Ma Poroshenko rischierebbe gravi ripercussioni se lo facesse; Avakov è il suo principale rivale politico e il ministero che dirige controlla la polizia, la Guardia nazionale e diverse ex milizie.

Come ha notato un analista ucraino a dicembre, il controllo di queste forze rende Avakov estremamente potente e la presidenza di Poroshenko potrebbe non essere abbastanza forte da resistere al confronto diretto con Avakov che potrebbe comportare un tentativo di estrometterlo o di colpire la sua base di potere. Poroshenko ha subito frequenti minacce verbali, inclusi alcuni appelli alla rivoluzione, da parte di gruppi ultranazionalisti, quindi potrebbe ritenere di aver bisogno di Avakov per tenerli sotto controllo.

Lo status del Partito popolare di Avakov come partner principale nella coalizione parlamentare ucraina aumenta il potere di Avakov sul blocco di Poroshenko. Un tentativo di estromettere Avakov potrebbe mettere in pericolo la sottile maggioranza legislativa di Poroshenko e portare a elezioni anticipate. Data l’attuale impopolarità di Poroshenko , questo è uno scenario che cercherà probabilmente di evitare.

Nonostante sia debole, Poroshenko ha ancora alcune opzioni per ridurre la minaccia dall’estrema destra. Sebbene Avakov controlli la polizia ucraina e la Guardia nazionale, Poroshenko comanda ancora i servizi di sicurezza e l’intelligence ucraini, la SBU, e potrebbe ordinare all’agenzia di tagliare i suoi legami con la C14 e gli altri gruppi estremisti. Poroshenko dovrebbe anche esprimere sostegno pubblico ai gruppi emarginati come le comunità Rom e LGBT e affermare il suo impegno a proteggere i loro diritti.

I diplomatici occidentali e le organizzazioni per i diritti umani devono esortare il governo ucraino a sostenere lo stato di diritto e a smettere di consentire all’estrema destra di agire impunemente. I donatori internazionali possono aiutare finanziando più iniziative come i progetti dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale a sostegno della formazione degli avvocati ucraini e dei difensori dei diritti umani e migliorando l’accesso equo al sistema giudiziario per le comunità emarginate.

Non esiste un modo semplice per sradicare il virulento estremismo di estrema destra che ha avvelenato la politica e la vita pubblica ucraine, ma senza sforzi vigorosi e immediati per contrastarlo, potrebbe presto mettere in pericolo lo stato stesso.

Ps Il neretto è nostro. Seri sforzi non sono mai stati fatti e il fenomeno si è incrementato. Anche il successore di Poroshenko, Zelensky, pur ebreo, è dovuto scendere a patti con queste forze oscure.