26 Novembre 2012

Primarie record, ballottaggio Bersani-Renzi

Tempo di lettura: < 1 minute

Il segretario del Pd Pierluigi Bersani vince le primarie, ma deve andare al ballottaggio contro Matteo Renzi. Un risultato largamente previsto. Nel Pd si sottolinea la grande affluenza ai seggi, segno, spiegano, di un partito vitale, pronto a guidare l’Italia nel prossimo futuro. Di certo la sfida protratta ha reso meno scontata la consultazione, contribuendo ad aumentare l’affluenza. 

Si scaldano i muscoli per il ballottaggio e si rinnovano le diatribe riguardo alle regole del loro svolgimento. Renzi vorrebbe una maggiore apertura, sperando di raccogliere voti oltre il Pd, cosa che spaventa altri esponenti del partito che temono ingerenze indebite. Sul punto si troverà un compromesso.

Riguardo all’esito finale, Renzi continua a mostrarsi ottimista: «Si riparte da zero a zero», ha dichiarato. Bersani, se vuole vincere, dovrà trattare con il terzo incomodo, Nichi Vendola, che pure ha incassato una percentuale di voti interessante. Ma ci sarà da trattare.