22 Novembre 2012

Elie Weisel e il libro con Obama

Tempo di lettura: < 1 minute

«Due amici e premi nobel per la pace insieme per un libro. Elie Weisel – l’autore di oltre 50 opere tra cui il capolavoro “La notte” (Giuntina) – e il neorieletto presidente americano Barak Obama, che ha all’attivo tre bestseller (…) hanno deciso di scrivere un libro a quattro mani. “Sarà un’opera molto interessante”, spiega al Corriere Weisel, il più celebre sopravvisuto ai campi di sterminio nazisti e massimo testimone degli ebrei della diaspora, “un’opera di due amici che considerano entrambi i libri come oggetti sacri. Non nel senso religioso del termine, ma come parte integrante del lungo viaggio dell’umanità per dare un significato alla vita». Così sul Corriere della Sera del 18 novembre. L’opera, spiega Weisel, dovrebbe trattare di «filosofia, letteratura, religione, misticismo e classici dell’antichità».

Nell’intervista, Weisel spiega come Obama sia «sicuramente un amico» di Israele. Quindi, alla domanda se sia contento della sua rielezione alla Casa Bianca, risponde: «Molto. Obama ha fatto molto bene nei primi quattro anni e sono felice che potrà portare a termine ciò che ha iniziato. Sono certo che continuerà a fare un ottimo lavoro. Mitt Romney non mi è mai piaciuto».