2 Novembre 2012

Notes, 2 novembre 2012

Tempo di lettura: < 1 minute

Dies Irae. «Quaerens me, sedisti lassus/ redemisti Crucem passus:/ tantus labor non sit cassus» (Cercandomi, ti sei seduto stanco/ mi hai redento patendo sulla Croce / tanta fatica non sia vana). Così nel “Dies Irae”, la sequenza che la Chiesa invita a recitare nel giorno della commemorazione dei defunti. Parole abitate da commossa gratitudine e povera preghiera, tutta affidata alla dolce misericordia di Gesù. 

E che indica come il paradiso (l’eterno riposo) non si acquista con la nostra fatica, ma grazie a quella di Dio.

13 Agosto
Buone vacanze
2 Novembre
Del ritornare
30 Marzo
Buona Pasqua