25 Ottobre 2012

Effetto Vatileaks. Un concistoro senza italiani

Tempo di lettura: < 1 minute

Il Papa ha annunciato un piccolo concistoro per la creazione di sei nuovi cardinali (per i nomi vedere notes), che si terrà il 24 novembre. Rileva Giacomo Galeazzi sulla Stampa: «Mai nessun Papa aveva indetto un concistoro senza italiani né europei (…). In risposta a Vatileaks, Benedetto XVI internazionalizza il sacro collegio e volta pagina rispetto alla fosca stagione degli scandali in Curia».

L’articolo si conclude così: «Ieri in piazza San Pietro significativamente Ratzinger ha salutato il nunzio negli Stati Uniti Carlo Maria Viganò, subito dopo aver comunicato il mini-concistoro con cui il 24 novembre ridisegnerà la geografia dei più vicini a lui per reggere la Chiesa. Le lettere scritte da Viganò quando era ancora segretario del Governatorato per denunciare la corruzione vaticana e protestare contro il trasferimento negli Usa sono all’origine della fuga di documenti riservati della Santa Sede. Il Papa guarda avanti e indica linee per la successione.  Meno Curia, più missione. Il futuro è nella “purificazione” e nella globalizzazione della fede».