15 Novembre 2017

Un'inchiesta sulla Clinton?

Tempo di lettura: < 1 minute

Il Ministro della Giustizia Jeff Session ha annunciato che sta valutando I’opportunità di nominare un procuratore speciale per verificare le accuse mosse da alcuni deputati repubblicani contro Hillary Clinton.

I repubblicani vogliono sapere «se l’inchiesta sull’utilizzo di un server di posta elettronica privato durante il mandato come Segretario di Stato da parte della Clinton sia stato oggetto di indagini adeguate [da parte dell’Fbi ndr] e se la Clinton Foundation abbia concesso speciali vantaggi a grandi donatori [in altre parole se abbia preso tangenti per favorire interessi privati ndr]». Così sul New York Post del 13 novembre.

Inoltre, i repubblicani sollecitano anche l’acquisizione di «ulteriori informazioni sul ruolo del Segretario di Stato Clinton nella controversa vendita di una società mineraria canadese […] alla Russia». Tale società [l’Uranium one ndr], spiega il NYP, gestisce gran parte della produzione di uranio degli Stati Uniti. L’accusa, esplicita, è di aver venduto uranio ai russi in cambio di tangenti.

L’iniziativa dei repubblicani si incrocia con quella sul Russiagate contro il presidente Trump. Di fatto è una controffensiva. Da vedere se e come tale inchiesta prenderà forma.

I democratici hanno già messo le mani avanti, affermando che il ministero della Giustizia è di parte. Ma Session potrebbe nominare un altro procuratore speciale, come già fatto con Robert Mueller per il Russiagate. Guerre stellari.