15 Ottobre 2012

Caffarra: le nostre celebrazioni devono far risplendere la divina Presenza, non noi stessi

Tempo di lettura: < 1 minute

«Dobbiamo chiederci tuttavia con umiltà se le nostre celebrazioni fanno sempre risplendere, in una dignitosa semplicità, la divina Presenza che in esse opera. Dobbiamo chiederci con umiltà se le nostre celebrazioni sono profondamente permeate di adorante reverenza, di un senso vero del primato della gloria di Dio. Se, in una parola, sempre e dovunque il loro asse orientativo è Cristo e la gloria del Padre, oppure noi stessi e la comunità». Così il cardinale Carlo Caffarra in un’omelia pronunciata davanti all’immagine della Madonna di San Luca, portata presso la Cattedrale di Bologna in occasione dell’apertura dell’anno della Fede. Le parole dell’arcivescovo di Bologna sono state riprese dall’Avvenire del 13 ottobre.