3 Luglio 2015

Il Papa, la preghiera e la consolazione di Dio

Tempo di lettura: 2 minuti
san-pietro-in-vincoli

Le catene di Pietro custodite a San Pietro in vincoli, Roma

Nell’omelia della messa celebrata il 29 giugno in occasione della solennità degli apostoli Pietro e Paolo, il Papa ha commentato il brano degli Atti degli Apostoli che vede Pietro in prigione e la Chiesa in preghiera per lui: «Le catacombe – ha detto Francesco – non erano luoghi per sfuggire alle persecuzioni ma erano, innanzitutto, luoghi di preghiera, per santificare la domenica e per elevare, dal grembo della terra, un’adorazione a Dio che non dimentica mai i suoi figli.

La comunità di Pietro e di Paolo ci insegna che una Chiesa in preghiera è una Chiesa “in piedi”, solida, in cammino! Infatti, un cristiano che prega è un cristiano protetto, custodito e sostenuto, ma soprattutto non è solo».

Quindi, accennando alla liberazione di Pietro, avvenuta grazie all’intervento dell’angelo, ha proseguito: «Pensiamo a quante volte il Signore ha esaudito la nostra preghiera inviandoci un Angelo? Quell’Angelo che inaspettatamente ci viene incontro per tirarci fuori da situazioni difficili. Per strapparci dalle mani della morte e del maligno; per indicarci la via smarrita; per riaccendere in noi la fiamma della speranza; per donarci una carezza; per consolare il nostro cuore affranto; per svegliarci dal sonno esistenziale; o semplicemente per dirci: “Non sei solo”».

Quindi spiegando come la Chiesa sia sopravvissuta nei secoli nonostante nemici interni ed esterni, ha affermato: «Tutto passa, solo Dio resta. Infatti, sono passati regni, popoli, culture, nazioni, ideologie, potenze, ma la Chiesa, fondata su Cristo, nonostante le tante tempeste e i molti peccati nostri, rimane fedele al deposito della fede nel servizio, perché la Chiesa non è dei Papi, dei vescovi, dei preti e neppure dei fedeli, è soltanto di Cristo. Solo chi vive in Cristo promuove e difende la Chiesa con la santità della vita, sull’esempio di Pietro e di Paolo».