4 Giugno 2014

Il Papa, la pietà e la mitezza del cuore

Tempo di lettura: 2 minuti

La Pietà, bronzo collocato nella Cappella Espiatoria, Monza

La Pietà, bronzo collocato nella Cappella Espiatoria, Monza

L’Udienza generale del 4 giugno è stata dedicata a un altro dei doni dello Spirito Santo, la pietà. Così Francesco: «Bisogna chiarire subito che questo dono non si identifica con l’avere compassione di qualcuno, avere pietà del prossimo, ma indica la nostra appartenenza a Dio e il nostro legame profondo con Lui, un legame che dà senso a tutta la nostra vita e che ci mantiene saldi, in comunione con Lui, anche nei momenti più difficili e travagliati»

«Si tratta di una relazione vissuta col cuore – ha proseguito il Papa –: è la nostra amicizia con Dio, donataci da Gesù, un’amicizia che cambia la nostra vita e ci riempie di entusiasmo, di gioia. Per questo, il dono della pietà suscita in noi innanzitutto la gratitudine e la lode. È questo infatti il motivo e il senso più autentico del nostro culto e della nostra adorazione […] Quando lo Spirito Santo ci fa percepire la presenza del Signore e tutto il suo amore per noi, ci riscalda il cuore e ci muove quasi naturalmente alla preghiera e alla celebrazione». Conseguenza della pietà è la sollecitudine per il prossimo, ha proseguito Francesco, ovvero «aiuta a riversare questo amore anche sugli altri e a riconoscerli come fratelli». Allora saremo mossi da «sentimenti di pietà – non di pietismo! – nei confronti di chi ci sta accanto e di coloro che incontriamo ogni giorno. Perché dico non di pietismo? Perché alcuni pensano che avere pietà è chiudere gli occhi, fare una faccia da immaginetta, far finta di essere come un santo».

La pietà vera, invece, rende «capaci di gioire con chi è nella gioia, di piangere con chi piange, di stare vicini a chi è solo o angosciato, di correggere chi è nell’errore, di consolare chi è afflitto, di accogliere e soccorrere chi è nel bisogno».  E ha concluso spiegando come ci sia «un rapporto molto stretto fra il dono della pietà e la mitezza. Il dono della pietà che ci dà lo Spirito Santo ci fa miti, ci fa tranquilli, pazienti, in pace con Dio, al servizio degli altri con mitezza».