7 Novembre 2013

New York sarà una città progressista

Tempo di lettura: < 1 minute

Fa discutere l’elezione dell’italoamericano Bill De Blasio a sindaco di New York. L’uomo simbolo ha vinto cavalcando l’onda della protesta contro i super ricchi, nella richiesta di una più equa ridistribuzione delle ricchezze. Così è diventato un simbolo di cambiamento, anche per la mole dei consensi ricevuti, quasi l’80% dei votanti. New York non coincide con gli Stati Uniti d’America, ma di certo la sua elezione è una spinta ulteriore a tentare dei correttivi in una società, in un’economia e in una politica sempre più malata e sempre più ostaggio dell’arbitrio della grande finanza.