5 Novembre 2013

Papa Francesco: uno solo è il protagonista della Chiesa, il Signore

Tempo di lettura: 2 minuti

Nella messa del 5 ottobre in Casa Santa Marta, papa Francesco ha sottolineato che «prima di tutto l’essenza cristiana è un invito: soltanto diventiamo cristiani se siamo invitati»;  «un invito gratuito», ha specificato, «che viene da Dio».  «Il cristiano  – ha proseguito – è quello che è invitato a una festa, […] alla gioia di essere redento, alla gioia di partecipare la vita con Gesù […]. Si capisce, una festa è un raduno di persone che parlano, ridono, festeggiano, sono felici. […]. Per essere cristiano ci vuole una appartenenza e si appartiene a questo Corpo, a questa gente che è stata invitata a festa: questa è l’appartenenza cristiana». E richiamando la Lettera ai Romani, il Papa ha ricordato che a questa festa sono invitati tutti, «buoni e cattivi». E i primi a essere chiamati sono gli emarginati: «La Chiesa non è la Chiesa solo per le persone buone. Vogliamo dire chi appartiene alla Chiesa, a questa festa? I peccatori, tutti noi peccatori siamo stati invitati». Tale invito, ha aggiunto, «non si può comprare».

«Nessuno – ha aggiunto – è protagonista nella Chiesa», soltanto Dio «è il protagonista!». Tutti noi, ha poi affermato, siamo «dietro di Lui e chi non è dietro di Lui, è uno che si scusa» e non va alla festa: «Il Signore è molto generoso. Il Signore apre tutte le porte. Anche il Signore capisce quello che gli dice: “No, Signore, non voglio andare da te!”. Capisce e lo aspetta, perché è misericordioso. Ma al Signore non piace quell’uomo […] che fa finta di ringraziarlo per tante cose belle, ma nella verità va per la sua strada; che ha delle buone maniere, ma fa la propria volontà e non quella del Signore. Chiediamo al Signore questa grazia: di capire bene quanto bello è essere invitati alla festa, quando bello è essere con tutti e condividere con tutti le proprie qualità, quanto bello è stare con Lui e che brutto è giocare fra il ‘sì’ e il ‘no’, dire di “sì” ma accontentarmi soltanto di essere elencato nella lista dei cristiani».