23 Ottobre 2013

Papa Francesco: se la Chiesa non porta Gesù è una Chiesa morta

Tempo di lettura: 2 minuti

Come ha vissuto la fede Maria? «L’ha vissuta nella semplicità delle mille occupazioni e preoccupazioni quotidiane di ogni mamma, come provvedere il cibo, il vestito, la cura della casa… Proprio questa esistenza normale della Madonna fu il terreno dove si svolse un rapporto singolare e un dialogo profondo tra lei e Dio, tra lei e il suo Figlio. Il “sì” di Maria, già perfetto all’inizio, è cresciuto fino all’ora della Croce. Lì la sua maternità si è dilatata abbracciando ognuno di noi, la nostra vita, per guidarci al suo Figlio». Così il papa nell’udienza generale del 23 ottobre.

Quindi, accennando a Maria come modello di carità, ha aggiunto: «Pensiamo alla sua disponibilità nei confronti della parente Elisabetta. Visitandola, la Vergine Maria non le ha portato soltanto un aiuto materiale, anche questo, ma ha portato Gesù, che già viveva nel suo grembo. Portare Gesù in quella casa voleva dire portare la gioia, la gioia piena. Elisabetta e Zaccaria erano felici per la gravidanza che sembrava impossibile alla loro età, ma è la giovane Maria che porta loro la gioia piena, quella che viene da Gesù e dallo Spirito Santo e si esprime nella carità gratuita, nel condividere, nell’aiutarsi, nel comprendersi».

Così come Maria, anche la Chiesa è chiamata a portare Gesù al mondo. Così Francesco: «La Chiesa porta Gesù: questo è il centro della Chiesa, portare Gesù! Se per ipotesi, una volta succedesse che la Chiesa non porta Gesù, quella sarebbe una Chiesa morta! La Chiesa deve portare la carità di Gesù, l’amore di Gesù, la carità di Gesù».

Nota a margine. Bella questa immagine della Madonna, e della Chiesa, che porta Gesù. Bella perché Colui che tutto porta si fa tanto umile da farsi portare. E bella anche l’immagine di Chiesa che usa il Papa: chiamata semplicemente a trasmettere il Suo Signore. Trasmettere dal latino tradere, da cui Tradizione.