26 Settembre 2013

Si spacca la coalizione anti-Assad 13 brigate passano con Al Qaeda

Tempo di lettura: < 1 minute

Cattive notizie dal fronte orientale: con il passaggio di 13 brigate dei cosiddetti ribelli siriani nelle file di Al Qaeda, il network del terrore si allarga e diventa il protagonista unico della campagna militare contro Assad. I cosiddetti ribelli siriani, legati a doppio filo con gli apparati militari occidentali, restano una sparuta minoranza, con ruoli di rappresentanza, da portare ai convegni, e di monitoraggio, da utilizzare cioè come agenzia stampa per “documentare” i crimini del regime di Assad (non quelli di altri, ovvio).

Da tempo sul campo si assiste a una guerra intestina, alquanto sanguinosa, tra le fazioni avverse a Damasco: anche a Goutha, luogo dove è stata perpetrata la strage al centro dell’interesse internazionale, c’erano scontri tra fazioni avverse, cosa che ha aumentato la confusione intorno alla vicenda.

Con questa migrazione di miliziani sotto le proprie bandiere, al Qaeda incassa la più significativa vittoria dall’inizio del conflitto. 

Dal momento che sarà difficile portare al Qaeda al tavolo dei negoziati, la svolta risulta un ennesimo ostacolo sulla via della risoluzione del conflitto. Una pacificazione con la fazione egemonizzata dal cosiddetto libero esercito siriano avrebbe ben poche conseguenze sul campo. Per estinguere l’incendio, quindi, occorrerà altro: anzitutto prosciugare il fiume di denaro che alimenta queste fazioni estreme, che tutti sanno da dove proviene.