23 Settembre 2013

Pechino, ergastolo a Bo Xilai avvertimento ai nemici del Partito

Tempo di lettura: < 1 minute

Condanna all’ergastolo per Bo Xilai, nel processo che lo ha visto imputato per corruzione e omicidio (quello di un uomo di affari inglese). La sentenza è esemplare e suona come un monito per possibili altri eversori del sistema. 

Bo Xilai ci aveva sperato, immaginando una nuova rivoluzione culturale di stampo maoista, che, di fatto, avrebbe richiuso la Cina al mondo per i prossimi venti anni o forse più. Una prospettiva che aveva allarmato non poco i vertici del potere cinese, che con Xi Jinping hanno puntato a un altro modello: la continuità di uno Stato retto da un regime comunista, ma senza il purismo rigorista immaginato da Bo Xilai, capace di flessibilità in economia e aperto al mondo. Un modello che ha guadagnato alla Cina uno sviluppo e una influenza internazionale senza precedenti nella storia del Dragone. Anche per questo il tentativo di Bo Xilai è fallito: condannato non solo dai tribunali, ma dalla storia.