4 Settembre 2013

Papa Francesco: la grande notizia della storia è che Dio ci ama

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’udienza generale del 4 settembre in Piazza San Pietro, Papa Francesco ha voluto ricordare la Gmg di un mese fa. Il Pontefice ha espresso la sua gratitudine al Brasile e ai brasiliani per l’accoglienza riservata ai pellegrini, osservando che «il pellegrinaggio comporta sempre dei disagi, ma l’accoglienza aiuta a superarli e, anzi, li trasforma in occasioni di conoscenza e di amicizia. Nascono legami che poi rimangono, soprattutto nella preghiera. Anche così cresce la Chiesa in tutto il mondo, come una rete di vere amicizie in Gesù Cristo, una rete che mentre ti prende ti libera». Quindi ha ricordato che la Gmg è stata una festa della fede, che ha descritto così: «Quando insieme si loda il Signore, si canta, si ascolta la Parola di Dio, si rimane in silenzio di adorazione: tutto questo è il culmine della Gmg, è il vero scopo di questo grande pellegrinaggio, e lo si vive in modo particolare nella grande Veglia del sabato sera e nella Messa finale. Ecco: questa è la festa grande, la festa della fede e della fraternità, che inizia in questo mondo e non avrà fine. Ma questo è possibile solo con il Signore! Senza l’amore di Dio non c’è vera festa per l’uomo!». Poi, parlando della missione, ha ricordato che «anche oggi il Signore ripete: “Andate…”, e aggiunge: “Io sono con voi, tutti i giorni…”. Questo è fondamentale! Solo con Cristo noi possiamo portare il Vangelo. Senza di Lui non possiamo far nulla – ce lo ha detto Lui stesso. Con Lui, invece, uniti a Lui, possiamo fare tanto. Anche un ragazzo, una ragazza, che agli occhi del mondo conta poco o niente, agli occhi di Dio è un apostolo del Regno, è una speranza per Dio!». «Cari amici, – ha aggiunto in conclusione – l’esperienza della Gmg ci ricorda la vera grande notizia della storia, la Buona Novella, anche se non appare nei giornali e nella televisione: siamo amati da Dio, che è nostro Padre e che ha inviato il suo Figlio Gesù per farsi vicino a ciascuno di noi e salvarci. Ha inviato Gesù a salvarci, a perdonarci tutto, perché Lui sempre perdona: Lui sempre perdona, perché è buono e misericordioso».