28 Agosto 2012

Tucidide e il confronto Usa-Cina per la supremazia del Pacifico

Tempo di lettura: < 1 minute

«L’auspicio di Tucidide che il suo racconto servisse da orientamento ai politici del futuro in situazioni analoghe a quella da cui scaturì la “grande” guerra del Peloponneso, si è avverato. Il racconto di quella guerra (431 – 404 a.C.) è diventato per secoli, fin dall’antichità, il modello narrativo degli storici non solo militari, nonché il libro da interrogare per capire le “cause vere” di altri conflitti (…). Ogni nuovo grande conflitto parve confermare le sue teorie e le sue intuizioni. Da ultimo, poi, nel mondo anglosassone, una corrente di polemologi molto in voga – Victor Hanson e Donald Kagan per esempio – ha adottato Tucidide come proprio archetipo. Ed ecco quindi un professore harvardiano di relazioni internazionali, Graham Allison – di fronte a Cina e Usa che si contendono la supremazia del Pacifico –  ricorrere prontamente alla diagnosi tucididea della inevitabilità della guerra quando due grandi potenze incombono sulla stessa area (…). Speriamo che Usa e Cina disobbediscano a Tucidide e si fermino in tempo». Così sul Corriere della Sera del 23 agosto.