Riquadri

1 marzo

Corrado Levi, Vestiti di arrivati

La fotografia che pubblichiamo racconta di come l'arte oggi sappia fare esperienza delle urgenze della vita. La persona che si è messa in posa è un artista che ha una lunga storia alle spalle, un artista a cui è difficile attribuire etichette; ha alle spalle una vita

16 febbraio

Adrian Ghenie, girasoli

Adrian Ghenie è una delle rivelazioni artistiche degli ultimi tempi.  È nato in Romania nel 1977 e si è diplomato all’Accademia di Cluj, che in questi anni è una delle fucine più interessanti di talenti in Europa. Ghenie è pittore e in un momento in cui i

5 febbraio

Paul Gauguin, Donna thaitiana con fiore

Confesso di avere avuto sempre qualche problema a capire un grande artista come Paul Gauguin. Mi ha sempre infastidito quel suo esotismo, quella sua propensione a prendere sempre il largo dalla realtà. Ma siccome l'arte non sta mai dentro lo schema che ci si era fatto, a volte

26 gennaio

Boccioni, Ritratto della madre

Il 1916 è il centenario di uno dei più importanti artisti del '900 italiano: Umberto Boccioni. Morì giovane, a 34 anni, per un incidente durante un’esercitazione militare: e pensando alla quantità di cose e intuizioni con cui aveva riempito quei suoi brevi anni di vita,

5 gennaio

Diego Velázquez, Adorazione dei Magi

Questa stupenda rappresentazione dell'Adorazione dei Magi è uno dei primi capolavori di Diego Velázquez. Lo dipinse nel 1619 quando aveva 20 anni ed era ancora a bottega da Francisco Pacheco, artista e teorico, una vera autorità nella Siviglia di quello scorcio di secolo.

12 dicembre

Rubens, Adorazione dei pastori

Mentre sui presepi imperversavano battaglie sempre pretestuose e alla fine abbastanza effimere, Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, ha riempito i muri della città con uno stupendo presepe: il riferimento è al manifesto che lancia la tradizionale esposizione natalizia a

1 dicembre

El Greco, Adorazione dei pastori

Nel 1567 arrivò a Venezia un artista che era nato a Candia, nell’isola di Creta. Era un vero talento, cresciuto in una cultura figurativa “greca”, e che quella cultura sentiva troppo “stretta” per se stesso. Creta era in ambito ortodosso dove dominava il modello

per sostenere il piccolenote