Postille

14 agosto

Di media e oltranzisti

I torbidi avvenuti in Virginia, dove i suprematisti si sono scontrati con i manifestanti avversi, inquieta. Come inquieta il video dell'automobile che ha investito la folla provocando un morto e diversi feriti, i quali si aggiungono a quelli causati dagli scontri tra opposte

10 agosto

La Corea del Nord e la guerra siriana

Sale la tensione in estremo Oriente. Il giovane presidente della Corea del Nord Kim Jong-un minaccia di bombardare la base militare di Guam ad agosto. Il suo omologo americano Donald Trump, ben più navigato ma non per questo meno imprevedibile, minaccia di rispondere alle

9 agosto

Il Venezuela in un vicolo cieco

Resta più che grave la situazione in Venezuela, dove si è insediata la Costituente voluta da Nicolas Maduro che di fatto ha esautorato il Parlamento. Il confronto ora è alle stelle e la possibilità che si arrivi a uno scontro armato è alta.   In questi giorni è

8 agosto

Bombe Usa al confine siro-iracheno

La guerra per il controllo della frontiera tra Siria e Iraq registra un'impennata. Lunedì scorso alcuni aerei e l'artiglieria americana stanziata in Giordania hanno bombardato una brigata di miliziani legati a Hachd al-Chaabi, le unità di mobilitazione popolare formate

7 agosto

Trump, le sanzioni anti-russe e il vertice di Manila

L’amministrazione americana non si piega alle pressioni dei suoi avversari interni, che oltre al partito democratico annovera molti esponenti repubblicani. Come si è visto all’atto del varo delle sanzioni contro la Russia, votate da quasi tutto il

1 agosto

Libano: la battaglia di Ersal

  Sui media e sui siti libanesi, in particolare quelli vicini ad Hezbollah, rimbalza l'euforia per la vittoria di Ersal. Nel silenzio dei media occidentali che invece non hanno dato importanza a quanto si è consumato in questi giorni nel territorio libanese al confine

31 luglio

La Costituente e il petrolio del Venezuela

«Il Venezuela galleggia su un mare di petrolio, è tra i Paesi con le maggiori riserve al mondo». Questa riga di Alberto da Rin sul Sole 24Ore del 31 luglio può aiutare a capire la vera partita che si sta giocando in Venezuela, dove il governo chavista affronta

per sostenere il piccolenote