Postille

2 giugno 2018

Il governo di Sanchez e le sulfuree evocazioni italiane

Nel giorno in cui si insedia il nuovo governo italiano, in Spagna il Parlamento ha dimissionato Mariano Rajoy. Nuovo primo ministro è il socialista Pedro Sanchez. Il governo di Sanchez e gli indipendentisti catalani Rajoy, delfino di José Maria Aznar, cade per una

1 giugno 2018

Accordo Russia-Israele: luce verde ad Assad per Daraa

Un grande lavorio diplomatico culminato nella visita del ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman in Russia sembra abbia permesso di disinnescare un'escalation del conflitto siriano. A tema la Siria meridionale, al confine con Israele. Tel Aviv ha dichiarato con

1 giugno 2018

Il giorno del compromesso

Dopo certo scompiglio nasce un governo che si autodefinisce di "cambiamento". Di per sé è definizione ambigua, ché si può cambiare in bene o male, quindi ci asteniamo dal commentarla. Un governo populista? Quel che si può dire è che continuare a definirlo "populista"

31 maggio 2018

Babchenko: il morto che parla ucraino

Ha fatto notizia la resurrezione di Arkadij Babchenko, pianto morto per un giorno perché ucciso dai perfidi russi che ne temevano le rivelazioni. La disperazione della moglie che lo aveva trovato in un lago di sangue, l'annuncio rimbalzato in ogni angolo del mondo. "La

29 maggio 2018

Lieberman, Shoigu e il Golan occupato

Il ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman domani si incontrerà con il suo omologo russo Sergej Shoigu a Mosca. Notizia non banale, dato che negli ultimi tempi i rapporti tra i due Paesi sono stati tesi. Ciò per l'appoggio incondizionato di Mosca ad Assad e il

29 maggio 2018

Trump e la nuova apertura alla Corea del Nord

Nel fine settimana Donald Trump riprendeva inaspettatamente il filo dei negoziati con la Corea del Nord, interrotti repentinamente e inspiegabilmente giovedì scorso con una missiva inviata al presidente Kim Jong-un. Una ripresa annunciata al modo solito, a colpi di

29 maggio 2018

Le manette di Weinstein

Venerdì 25 maggio la polizia ha messo le manette ad Harwey Weinstein, il produttore hollywoodiano accusato di violenze sessuali da varie attrici. Una notizia di cronaca nera, ma fino a un certo punto. Se si pensa quanto sia importante Hollywood nel mondo, i soldi che vi