Postille

16 ottobre

Iran: la partita è ancora aperta

Tillerson si smarca dal presidente e in un'intervista alla Cnn dichiara che gli Stati Uniti vogliono modificare il trattato nucleare con l'Iran, ma conservarlo. Una frase che appare conciliante, dopo le fiammate di Trump. Una sconfessione a metà del presidente, dal momento

14 ottobre

Nucleare Iran: vince l’esoterismo

Donald Trump dunque ha deciso di non certificare l'accordo sul nucleare iraniano raggiunto a suo tempo da Obama e firmato anche da Russia, Cina, Germania, Gran Bretagna e Francia. L'intesa prevede, per la parte americana, che ogni 90 giorni il presidente "certifichi" che

13 ottobre

L’accordo storico tra Hamas e Fatah

Ieri è stato annunciato l'accordo tra Fatah e Hamas, dopo giorni di trattative serrate, svolte nel luogo più sicuro che potessero trovare, la sede dei servizi segreti egiziani. Proprio l'Egitto è stato il grande sponsor di questa riconciliazione storica, che sana la

13 ottobre

Il senso di Trump per l’Iran

Il mondo è sospeso a quanto deciderà il presidente Trump. Oggi ha additato l'Iran come nemico del mondo, il maggiore sponsor del terrorismo internazionale, contro il quale intende mobilitarsi e mobilitare. Una minaccia alla quale Teheran ha risposto a tono, ovviamente: se

12 ottobre

Catalogna, il tempo si è fatto breve

«Assumo il mandato per far sì che il popolo Catalano diventi uno Stato indipendente sotto forma di repubblica». Questa l'attesa dichiarazione di Carles Puigdemont alla Generalitat catalana. Una dichiarazione di indipendenza alquanto ambigua, peraltro sospesa per avviare

10 ottobre

L’Iran, i neocon e l’isolazionismo di Trump

Il 5 ottobre un articolo del Washington Post fa il giro del mondo: Donald Trump intende de-certificare l'accordo sul nucleare iraniano. Una notizia che si basa su fonti anonime interne all'amministrazione americana, dal momento che il presidente sta mantenendo fede a quanto

9 ottobre

Il codice binario di Las Vegas

 Lo sceriffo Joseph Lombardo «ha messo in discussione il fatto che il killer possa aver agito da solo nel pianificare così meticolosamente la strage. "Ad un certo punto deve essere stato aiutato - ha osservato Lombardo - forse è un superman e forse ha fatto tutto da solo ma

per sostenere il piccolenote