Mondo

16 marzo

Corbyn, il caso Skripal e il confronto globale

Ha suscitato controversie un articolo di Jeremy Corbyn pubblicato sul Guardian, nel quale il leader laburista chiede al governo di non reagire affrettatamente sul caso dell'avvelenamento di Skripal e della figlia Julia, che ha innescato un feroce muro contro muro tra Occidente e

14 marzo

Mohamed bin Salman e le torture del Ritz

Il principe saudita Mohamed bin Salman e la «torbida» vicenda dell'hotel Ritz sono oggetto di un articolo del New York Times firmato da Ben Hubbard, David D. Kirkpatrick, Kate Kelly e Mark Mazzetti. Era l'inizio del novembre scorso quando oltre duecento tra i più

10 marzo

Liberman contro gli estremisti israeliani

«Israele è stato sequestrato dagli estremisti» con questa dichiarazione Avigdor Liberman ha innescato una polemica nuova nell'ambito politico israeliano. Il nodo della controversia è la nuova legge sul servizio di leva, del quale il ministro della Difesa si sta

9 marzo

I dazi sull’acciaio di Trump

Interessante l'editoriale del Guardian sull'iniziativa di Trump di alzare dazi sull'acciaio. Tale mossa, secondo il quotidiano britannico, è una scommessa: se essa porterà «a prezzi più alti per i consumatori statunitensi» rischia di essere del tutto

6 marzo

Reti globali: esigenze di regole e rischi correlati

Per Niall Ferguson le reti globali rappresentano il nuovo potere del mondo. Osservazione banale, ma non lo è, dal momento che quando si parla di potere il pensiero corre alla politica. Non è così: incalzata dalla Finanza, la politica conta nulla anche a fronte del potere

3 marzo

Ghouta Est: la fuga bambina sotto il fuoco jihadista

Ghouta Est: i miliziani sparano su due bambini per non farli scappare mentre i genitori - secondo quanto riferiscono fonti religiose di Damasco - sono stati uccisi nel corso della fuga. Sembra che i ragazzi siano riusciti a scamparla strisciando (non abbiamo certezze sul

23 febbraio

L’Aiea: l’Iran rispetta l’accordo sul nucleare

«L'Iran rispetta gli impegni che si è assunto nell'accordo sul nucleare, concluso con le grandi potenze nel 2015, secondo quanto informa un rapporto trimestrale dell'Aiea pubblicato giovedì». Così France press. «L'Agenzia internazionale per l'energia atomica »,