Mondo

14 settembre

La Wada assolve gli atleti russi

«La Wada ha deciso di assolvere 95 dei primi 96 casi di atleti russi coiunvolti nel maxi scandalo del doping di Stato emerso dopo la pubblicazione del rapporto McLaren ed esaminati nell'indagine sul sistematico programma statale russo di doping. A rivelarlo il New York Times

12 settembre

La Corea del Nord può rinunciare al nucleare?

Ieri l'Onu ha varato sanzioni contro la Corea del Nord, votate all'unanimità. Misure che sono state dichiarate eccessivamente morbide dall'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite, Nikki Haley. Ma è andata bene così: sconfitto l'unilateralismo americano, il mondo ha potuto

4 settembre

Il vero scontro è tra Cina e Stati Uniti

«Il confronto tra Russia e Stati Uniti è sicuramente denso di pericoli. Paradossalmente proprio perché non esistono più, o sono stati ridimensionati, quei meccanismi di trasparenza, controllo e gestione delle crisi, che per mezzo secolo impedirono alle tensioni tra i due

1 settembre

Usa e Aiea: controversie atomiche

L'accordo sul nucleare iraniano, siglato sotto l'amministrazione Obama dagli Stati Uniti e da altri Paesi occidentali, è oggetto di forte controversia, stante che vari membri dell'amministrazione Trump, e lo stesso presidente, a più riprese hanno dichiarato l'intenzione di

30 agosto

I missili della Corea e lo sceriffo americano

Il missile lanciato dalla Corea del Nord sui cieli del Giappone ha nuovamente infiammato l'Estremo oriente. Guido Santevecchi, sul Corriere della Sera del 30 agosto, analizza le dinamiche dell'accaduto, rilevando come la lunga gittata del missile ha lo scopo di dimostrare agli

14 agosto

Il rebus libico e gli errori italiani

«Il maresciallo Khalīfa Haftar, che controlla gran parte della Libia orientale, è a Mosca da ieri. La Libia rappresenta sempre più un obiettivo per le crescenti ambizioni russe in Medio Oriente e Nord Africa. Ma il presidente Vladimir Putin non ha ancora deciso cosa

14 agosto

Guerra Yemen: possibili trattative tra Ryad e Teheran

Dopo la visita in Arabia Saudita, Moqata al Sadr, leader dell'esercito del Mahdi, movimento armato sciita molto influente in Iraq, ha visitato un altro Paese arabo sunnita, gli Emirati Arabi, per incontrarsi con il principe ereditario Mohammed ben Zayed

per sostenere il piccolenote