Mondo

17 maggio

L’ascesa della Cina e il Risiko di Washington

L'Europa e gli Stati Uniti finora sono stati il motore del mondo. Una posizione che si sta erodendo velocemente. "L'Occidente deve accettare il suo relativo declino o impegnarsi in una lotta grossolanamente immorale e probabilmente rovinosa per prevenirlo. Questa è la

17 maggio

Gli ebrei che condannano la strage di Gaza

La mattanza di Gaza continua a suscitare critiche verso il governo israeliano e Donald Trump, il quale, spostando l'ambasciata Usa a Gerusalemme, ha gettato altra benzina sul conflitto israelo-palestinese. Strage di Gaza: la condanna di esponenti della comunità ebraica

16 maggio

La Corea del Nord e la diplomazia muscolare neocon

La Corea del Nord comunica di aver sospeso i negoziati di pace, così una nota dell'agenzia stampa nordcorenana. Una decisione presa a seguito dell'inizio dell'esercitazione militare 2018 Max Thunder che Usa e Corea del Sud stanno conducendo a ridosso di Pyongyang, come da

12 maggio

Medio oriente: ipotesi Guerra Fredda

"Ora che Trump ha finalmente respinto la fantasia dell'era di Obama, che fosse possibile attirare l'Iran fuori dalle sue allucinazioni teocratiche, potrebbe emergere un vero equilibrio di potere. Da un lato, l'Iran e i suoi alleati, sponsorizzati dalla Russia. Dall'altro, una

4 maggio

Mattatoio Yemen: il j’accuse del NYT

"Sembra che il Pentagono e l'amministrazione Trump abbiano ingannato gli americani sul crescente coinvolgimento militare nella guerra in Yemen con la quale non dovremmo avere nulla a che fare". Inizia così l'editoriale della redazione del New York Times di oggi, che rivela come

2 maggio

Lo show del “militante” Netanyahu sul nucleare dell’Iran

Lo  show di Netanyahu contro l'accordo sul nucleare siglato con l'Iran di ieri ha guadagnato le prime pagine dei giornali del mondo. Il j'accuse di Netanyahu contro l'Iran e il fatidico 12 maggio In diretta televisiva, il premier israeliano ha dichiarato che l'Iran mente:

28 aprile

Netanyahu, il neocon

"Benjamin Netanyahu, ha ricordato Anshel Pfeffer, non vede il conflitto arabo-israeliano come un problema in sé, ma come parte integrante dello scontro di civiltà tra l'Islam e il mondo occidentale ( "La visione di Netanyahu, in 467 pagine", 18 aprile). Israele per lui è la