Come in cielo

26 settembre

San Gregorio Magno e i poveri

All’interno dell’oratorio di Santa Barbara al colle Celio, edificato sui piani inferiori di una casa romana, una massiccia tavola di marmo risalente al VI secolo attrae lo sguardo del visitatore. Proviene dal Laterano, l’antica sede del papa. Proprio attorno a

28 giugno

Pietro e Paolo: quella targa sulla via Ostiense

La via Ostiense, una delle tante vie delle capitale affollate di macchine, via-vai di gente e gas di scarico. Tra il risuonare di clacson e il rumore di fondo della città, può capitare di alzare gli occhi su un muro anonimo, giallo e ingiallito di tempo. Uno dei tanti

11 maggio

La Madonna che indica la strada

  «Millimetro per millimetro, riuscii a distaccare l'incollatura medioevale e vidi formarsi quei grandi occhi che tornavano alla luce... occhi che riflettevano gli ultimi bagliori del mondo antico... Di qui il turbamento di una creatura limitata e peccatrice come me, che mi

19 aprile

La vittoria di Gesù nella storia

Pubblichiamo una meditazione che don Giacomo Tantardini ha tenuto a Padova il 26 marzo del 2002 nella Basilica del Santo, dove sono conservate le spoglie di sant'Antonio. Una meditazione tenuta il martedì santo, ma che racconta della resurrezione, ovvero della vittoria di

7 aprile

Le sorprese del Cremlino

L’incontro tra papa Francesco e il Patriarca ortodosso di Mosca e di tutte le Russie Kirill, avvenuto nel febbraio scorso, è stato un passo che ha segnato la storia. Non solo della Chiesa cattolica o di quella ortodossa, ma del mondo; anche se i frutti, come avviene per

1 marzo

Se vedere è un miracolo

«Posso vederti, posso vederti!». Il grido di gioia della donna fende la prima mattina, quando ancora le cose stentano a destarsi dal buio, come recita un inno delle lodi mattutine. E invece dal buio quel giorno Dafné si è destata. Dal buio profondo, nel quale era

9 febbraio

Roma e il cuore di san Carlo

Tra gli itinerari che i pellegrini percorrono a Roma per il Giubileo della Misericordia, si potrebbe prendere in considerazione una sosta sconosciuta ai più ma di grande suggestione. È la maestosa basilica dei Santi Ambrogio e Carlo al Corso, dove è racchiuso un grande tesoro

per sostenere il piccolenote