Chiesa

31 luglio

Di confessioni e Papi

Dagospia rilancia un articolo che Ersilio Mattioni ha scritto per la rivista Millennium (mensile del FattoQuotidiano), nel quale il cronista si dedica alla difesa del povero papa Francesco in maniera alquanto bizzarra, ovvero attraverso un sacrilegio, il peccato più grave

20 luglio

La Chiesa nella tempesta

Un nuovo scandalo ha scosso i pilastri della Chiesa, quello degli abusi commessi sui ragazzi del Coro di Ratisbona. Uno scandalo benedetto, perché oportet ut scandala eveniant.   E però, invece di rallegrarsi per l'opera di pulizia che la Chiesa sta realizzando,

18 luglio

La Sindone: si tratta di un uomo torturato

Una nuova ricerca sulla Sindone condotta da due istituti del Cnr, ovvero l’Istituto Officina dei Materiali (IOM-CNR) di Trieste e l’Istituto di Cristallografia (IC-CNR) di Bari, che hanno lavorato assieme al Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di

3 luglio

E Mueller se ne va

Ha fatto rumore la rimozione del cardinal Gerhard Mueller dal dicastero della Dottrina della Fede da parte di papa Francesco, il quale non lo ha rinnovato nella carica alla scadenza dei cinque anni, come voleva invece una prassi consolidata e con rarissime eccezioni

30 giugno

Un mattatoio chiamato Siria

La guerra siriana è una macelleria a ritmo continuo dal momento che è l'epicentro di quella guerra mondiale fatta a pezzi denunciata più volte da papa Francesco. Un conflitto per procura, che vede contrapposti non solo Stati Uniti e Russia, ma anche altri Paesi,

3 giugno

Mosul: gli islamici rimettono a posto il monastero

Mosul sta per essere liberata completamente dall'oscura occupazione dell'Isis, che l'ha eletta capitale del Califfato in Iraq. Ormai pare che sotto il controllo delle milizie del Terrore resti solo il 10% della città. Nella parte liberata dalle forze irachene, che godono

28 aprile

Siria: i martiri di Maalula

Maalula, Siria, è solo un piccolo villaggio arroccato sui monti, uno dei tanti di questo martoriato Paese flagellato dalla guerra. Eppure ha una caratteristica che la rende quasi unica: qui, come in altri due villaggi siriani, di parla l'aramaico, la lingua di Gesù. Forse

per sostenere il piccolenote