Mondo
29 luglio

La Germania, il Nord Stream 2 e le sanzioni anti-russe

«"Non accetteremo un'applicazione extraterritoriale delle sanzioni americane contro le imprese europee". Lo ha detto il ministro degli esteri tedesco, Sigmar Gabriel, in risposta alle sanzioni contro la Russia approvate dal senato Usa».   «Secondo Gabriel, riporta il settimanale Der Spiegel, "la politica delle sanzioni non è uno strumento né adatto né conveniente

Postille
29 luglio

Usa: attacco al cuore dell’amministrazione Trump

Si stringe il cerchio attorno a Donald Trump. Anzitutto il Congresso ha rinnovato le sanzioni contro la Russia, togliendo al presidente la facoltà di farle decadere o alleviarle. Un vero e proprio attacco alle prerogative presidenziali, più che inusuale nella storia degli Stati Uniti (sul punto vedi anche Piccolenote).   Il voto ha dato un ulteriore colpo alla

Mondo
28 luglio

Usa: sanzioni alla Russia e all’Europa

«Le nuove sanzioni alla Russia votate alla Camera di Washington prendono di mira il progetto chiamato North-Stream 2, il gasdotto che dalla Russia dovrebbe fornire direttamente la Germania passando per il Mar Baltico». Così Federico Rampini sulla Repubblica del 27 luglio, che spiega come le nuove sanzioni nascono nel clima del Russiagate, che vede gli americani

Postille
27 luglio

Al Aqsa: Israele toglie gli apparati di controllo

La situazione alla Spianata delle moschee, dov'è ubicata la moschea di al Aqsa, uno dei luoghi più sacri dell'islam, sembra essersi normalizzata dopo giorni di fuoco. Israele ha prima rimosso i metal detector per poi porre fine anche alle altre misure di sicurezza disposte per controllare l'ingresso della Spianata, come da richiesta della controparte.   Tali misure

Postille
26 luglio

Libia: di accordi francesi e lacrime italiane

«C'è accordo tra Fayez al-Sarraj e Khalifa Haftar, i due principali contendenti dello caos libico. A promuoverlo è stato Emmanuel Macron, che ha ospitato il vertice che ha visto la stretta di mano dei due. Appena eletto presidente, il nuovo inquilino dell'Eliseo mette a segno un successo diplomatico di rilevanza internazionale». Inizia così un articolo scritto per

Mondo
24 luglio

Di guerre inutili e impossibili neutralità

«È ancora possibile, in un mondo afflitto da guerre e minacce, parlare della neutralità come di un possibile rimedio all'uso della forza nelle relazioni internazionali? Ne era convinto Vittorio Dan Segre, scrittore e studioso italo-israeliano scomparso nel 2014».   «Si era battuto per Israele come giornalista e soldato, ma era giunto alla conclusione che

Mondo
24 luglio

Trump, Putin e la guerra globale

L'amministrazione Trump sembra «paralizzata nella sua azione verso la Russia. La sola cosa su cui vogliamo lavorare con gli Usa e siamo convinti che questa presidenza sia in grado di fare, è di evitare la guerra tra i nostri due Paesi». Così Dmitrij Suslov interpellato da Paolo Valentino per il Corriere della Sera del 23 luglio.   Membro del Club Valdai, un think

Mondo
22 luglio

Macron e il caos libico

«Emmanuel Macron tenta di scalzare l’Italia nella partita libica facendo entrare a gran voce la sua Francia nel complicato dossier del Paese maghrebino».   «E lo fa con la pretesa di far incontrare il presidente del Governo di accordo nazionale (Gna), Fayez al-Sarraj, e il generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, in un vertice fissato a Parigi

Postille
22 luglio

Al-Aqsa: gli apparati di sicurezza israeliani avevano ragione

Altissima la tensione in Israele, dove la situazione è «estremamente pericolosa e può andare fuori controllo», come ha detto l'assistente di Abu Mazen, Nabil Abu Rdeneh (vedi The Guardian). Già, fuori controllo: questo l'allarme che rimbalza sui media di tutto il mondo e che è solo un eufemismo per accennare al rischio che il mondo sta correndo.   Quello cioè

Notes
22 luglio

Un Notes per Maria di Magdala

  Tante le "Maryam" del Vangelo, tante che poi sono state tutte associate a Maria Maddalena, di cui oggi ricorre la festa. Tante che nei secoli sono state identificate in una sola persona: la Maria che ha lavato i piedi di Gesù con le sue lacrime, la sorella di Lazzaro e Maria di Magdala, che stava sotto la croce e, come racconta Giovanni, seguì al sepolcro Pietro e

per sostenere il piccolenote