Mondo
27 settembre

La Chiesa e l'accordo con la Cina. Nota a margine

L'accordo tra la Chiesa cattolica e la Cina è passo epocale, storico. Un passo da lungo tempo ricercato dalla Chiesa e dai suoi Pontefici, da Giovanni Paolo II a Benedetto XVI, per citare solo gli ultimi. "Non è un mistero per nessuno che la Santa Sede, a nome dell'intera Chiesa cattolica e — credo — a vantaggio di tutta l'umanità, auspica l'apertura di uno

Mondo
27 settembre

Trump all'Onu

Trump ha scelto le Nazioni Unite per rilanciare la sua prospettiva anti-globalista.  Nemici esistenziali Cina e Unione europea, nuovi motori della globalizzazione dopo la (parziale) retromarcia Usa. Globalizzazione e America First Alcuni hanno fatto notare che la prospettiva di Trump mina l'ordine internazionale costruito nel dopoguerra, che ha garantito relativa pace e

Mondo
25 settembre

Eisenkot: è pericoloso porre fine al finanziamento ai palestinesi

Il generale Gadi Eisenkot, Capo di Stato maggiore dell'esercito israeliano, ha avvertito che il taglio dei finanziamenti ai palestinesi deciso da Trump rischia di scatenare nuovi conflitti tra palestinesi e israeliani. L'annuncio di Trump sulla revoca dei fondi era arrivato a fine agosto e sta provocando gravi criticità all'Unrwa, l'Agenzia Onu che gestisce questi soldi

Mondo
24 settembre

La Russia darà gli S-300 alla Siria

La Russia dunque ha deciso di consegnare i sistemi anti-aerei S-300 alla Siria. Una risposta all'abbattimento dell'aereo russo da parte dell'aviazione israeliana, che ha usato l'Ilyushin-20 come scudo contro la contraerea di Damasco. L'iniziativa russa è accompagnata dalla chiusura del tratto di mare adiacente la Siria, che sarà monitorato dalle difese elettroniche russe

Mondo
22 settembre

Siria: il video del falso attacco chimico prossimo venturo

Attacco chimico in Siria. Il video mostra immagini terribili: uomini a terra, madri e figli in lacrime. Sirene, soccorsi affrettati, convulsi, tesi a salvare quante più vite possibile. Uomini affranti dal dolore vagano senza saper che fare, mentre i soccorritori, i White Helmets, si affannano a trasportare i feriti con le barelle e con le mani. A lavare con acqua i vestiti

Mondo
22 settembre

L'abbattimento dell'Ilyushin S-20. Crisi Russia-Israele

L'abbattimento dell'Ilyushin S-20 sui cieli siriani è al centro di controversie tra Tel Aviv e Mosca. Se Putin ha subito raffreddato gli animi, parlando di tragico incidente, non per questo ha chiuso la questione. Si trattava di chiarire subito che escludeva una ritorsione, cosa che avrebbe innescato incontrollabili escalation. Ma sull'incidente vuol vederci

Mondo
21 settembre

Siria: l'Occidente e l'accordo di Idlib

L'accordo tra Russia e Turchia su Idlib potrebbe rappresentare la pagina conclusiva della guerra siriana. Condizionale d'obbligo, dal momento che tante sono le variabili in corso. Idlib e gli appelli umanitari In attesa degli sviluppi, riteniamo interessante riproporre alcune considerazioni di Jonathan Steele scritte per il Guardian del 21 settembre in un articolo sulla

Mondo
19 settembre

L'Iraq, al Halbusi e la sconfitta degli Usa

I deputati iracheni hanno eletto Mohammed al Halbusi Presidente del Parlamento. Elezione alquanto significativa. In altra nota abbiamo descritto lo scenario seguito alle elezioni politiche del maggio scorso, dove i diversi partiti si sono divisi secondo una linea di faglia che vede da una parte le forze filo-iraniane e dall'altra quelle filo-americane. I risultati del

Mondo
18 settembre

L'aereo russo abbattuto e il realismo di Putin

L'aereo russo abbattuto ieri sui cieli siriani ha portato l'allerta globale a livelli di rischio. La dinamica è semplice: alcuni jet israeliani, come fanno da tempo, hanno attaccato la Siria, con missili diretti contro obiettivi iraniani. L'areo russo abbattuto. Dinamiche da guerra Questa almeno la loro narrazione, ché i siriani dicono altro, ovvero che sono attacchi

Mondo
18 settembre

Il compromesso di Idlib e il Terroristan

Compromesso su Idlib. Ieri, a Sochi, Putin ha trovato un difficile accordo con Erdogan. Dopo i fiumi di inchiostro versati per allarmare sul disastro apocalittico che avrebbe causato un'eventuale offensiva russo-siriana su Idlib, poche, striminzite righe hanno salutato la vittoria "umanitaria" della diplomazia russa. Putin deve restare il "cattivissimo", da qui