Mondo
6 febbraio

Medio oriente: Israele, gli Usa e gli jihadisti

Israele ha finanziato i ribelli siriani e le armi degli Stati Uniti sono finte ad al Qaeda in Yemen. Due rivelazioni di questi giorni, importanti per comprendere quanto avvenuto e sta avvenendo in Medio oriente. L’ammissione di aver aiutato i cosiddetti ribelli siriani da parte dall’ex Capo di Stato Maggiore, generale Gadi Eisenkot, ha suscitato critiche in

Mondo
5 febbraio

Iraq: la prepotenza Usa suscita proteste

L'intervista alla Cbs nella quale Trump ha affermato di voler usare le basi in Iraq per "sorvegliare l'Iran" ha acceso controversie. Proteste in Iraq Dura la critica del presidente iracheno, Barham Salih, il quale ha affermato che "gli Stati Uniti non hanno mai chiesto il permesso per una missione più ampia che non la lotta contro lo Stato islamico (Isis)". Né, ha

Mondo
5 febbraio

La guerra geopolitica del Venezuela

Interessante articolo del New York Times sul Venezuela, preda di una crisi politica, umanitaria, ma anche, e soprattutto, geopolitica. Da una parte gli Stati Uniti e suoi alleati, dall'altra Russia e Cina, che hanno investito miliardi di dollari nel Paese e rischiano di perderli, cosa che certo non dispiacerebbe a Washington. Secondo il NYT gli Stati Uniti non si

Mondo
5 febbraio

Israele: può finire il tempo dei maghi

La disfida elettorale in Israele è tesa. Netanyahu ha lanciato una nuova televisione con la mission di ribattere alle fake-news che lo riguardano. Bibi sembra voglia ripercorre i passi di Trump, che vinse le elezioni sulla scia di un'analoga iniziativa. Ma c'è una differenza di fondo, impossibile da eludere: Trump era una novità di sistema, Netanyahu il perpetuarsi

Mondo
4 febbraio

Il ritiro Usa dall'Afghanistan chiude la guerra infinita

La decisione di Trump di ritirare le truppe dall'Afghanistan sta facendo discutere negli Stati Uniti. Ma, nonostante le critiche, vede sviluppi. Delegati Usa e Talebani, che da tempo stanno dialogando in Qatar, sembra abbiano trovato una prima intesa. L'annuncio e le convergenze parallele C'è un'intesa iniziale, che ha visto gli Stati Uniti annunciare ufficialmente

Mondo
2 febbraio

Un nuovo presidente per la Repubblica democratica del Congo

Felix Tshisekedi è stato proclamato presidente della Repubblica democratica del Congo. Una nomina tempestosa, dato che il risultato elettorale del 30 dicembre era stato contestato a più livelli. Elezioni contestate Dal suo diretto concorrente Martin Fayulu, ma anche da certa parte della Comunità internazionale, come anche dalla Chiesa cattolica congolese, che aveva

Mondo
1 febbraio

Il caso Huawei e il dialogo Usa-Cina

Cina e Stati Uniti, riprende il dialogo. Donald Trump ha incontrato il vicepremier cinese Liu He alla Casa Bianca per cercare una soluzione ai dissidi commerciali tra i due Paesi. Trump ha infatti scatenato una guerra economica alla Cina, ma vuol trattare. Resta ferma, infatti (nonostante ambiguità, spinte avverse e ripensamenti), la sua visione di un nuovo ordine

Mondo
1 febbraio

Con Instex la Ue elude, in parte, le sanzioni all'Iran

L’Unione europea vara Instex, un meccanismo per aggirare le sanzioni sul greggio iraniano reintrodotte dagli Stati Uniti dopo la revoca del trattato nucleare stipulato con Teheran. L'organismo predisposto, Instex, mira a effettuare scambi commerciali limitati al profilo umanitario e in qualche modo, nonostante le pressioni contrarie, ha avuto un qualche placet da

Mondo
31 gennaio

Venezuela: non è una lotta per la democrazia

Sulla crisi del Venezuela un intelligente articolo del Washington Post a firma di Federico Finchelstein Pablo Piccato, due storici alieni da simpatie chaviste e pubblicato sul giornale cui fanno riferimento i repubblicani. Trump, scrive il Wp, ha "scelto una parte" nello scontro tra Juan Guaidò, proclamatosi presidente ad interim, e Nicolas Maduro, dichiarato

Mondo
31 gennaio

Israele. Gantz: Credo nella speranza

L'apparizione di Benny Gantz ha scompaginato la campagna elettorale israeliana. E Bibi Netanyahu, che già pregustava l'ennesima vittoria ad aprile, è preoccupato. Per la prima volta. Un altro governo di destra e ultra-destra, dato per certo, è ora in dubbio. Una variabile nuova è entrata in Israele. E nel mondo. Gantz e la speranza "Credo nella speranza" è il