Come in cielo
21 dicembre

Roma e il Natale

Maria sta seduta, vestita di una stola. Il capo, coperto dal mantello, è reclinato verso il bambino Gesù che, con il braccio teso verso la mamma, ci guarda. Accanto, una figura maschile: con la mano sinistra tiene un rotolo e con la destra addita una stella. L'attribuzione è dubbia. Forse è san Giuseppe. O forse, secondo Joseph Wilpert, collaboratore del grande

Mondo
21 dicembre

Baremboim e lo Stato della Palestina

Un accorato appello alla pace per la Terrasanta quello di Daniel Baremboim pubblicato oggi sul Corriere della Sera, che chiede alla comunità internazionale di riconoscere finalmente il diritto di una patria per i palestinesi accanto a quella israeliana. «I Palestinesi», scrive Baremboim, «hanno da tempo rinunciato al loro diritto all'intero territorio della Palestina

Postille
19 dicembre

Hamas non vuole un’escalation a Gaza

Ieri avevamo scritto che a Gaza sta avvenendo una lotta intestina che vede il movimento di Hamas opporsi ai miliziani della Jihad islamica. Sono questi ultimi a lanciare razzi contro Israele che, oltre a procurare paura nella popolazione civile, provocano le reazioni di Tel Aviv, che ha più volte inviato i suoi jet a bombardare la Striscia di Gaza. Il riconoscimento di

Postille
19 dicembre

Putin: grazie alla Cia

Ha fatto il giro del mondo il ringraziamento che Putin ha indirizzato alla Cia per aver fornito informazioni vitali per sventare un attacco a San Pietroburgo. Cortesia che ha dato occasione al presidente russo di avere una conversazione telefonica con Donald Trump. È la seconda in quattro giorni: nella precedente i due presidenti avevano parlato di possibili modalità di

Mondo
18 dicembre

Hamas non vuole la guerra con Israele

Israele ha bombardato un campo di addestramento di Hamas. Un raid che segue quello del 9 dicembre, contro lo stesso movimento islamico (due le vittime allora). Tel Aviv ha spiegato che si tratta di una risposta ai lanci di razzi dalla Striscia di Gaza, avvenuti in questi giorni di rabbia palestinese a seguito dell'annuncio dello spostamento dell'ambasciata Usa a

Postille
18 dicembre

L’Isis d’Asia

Ieri il Pakistan, oggi l'Afghanistan: l'Isis mette a segno due attentati in due giorni nel cuore dell'Asia. Nove i morti ieri in un attacco compiuto contro una chiesa metodista di Quetta, mentre ancora da definire il bilancio di un attacco a un centro di addestramento dei servizi segreti di Kabul. L'Agenzia del Terrore ha rivendicato entrambi i colpi attraverso la sua

La pulce nell'orecchio
18 dicembre

Pink Floyd, Echoes

Nessuno mi canta ninne nanne, e nessuno mi fa chiudere gli occhi, così spalanco la finestra e grido il tuo nome fino al cielo.   Fino a qualche mese fa, scorrendo la lunga discografia dei Pink Floyd, piena di album meravigliosi e diversissimi l’uno dall’altro, ho sempre avuto la sensazione che mancasse qualcosa. Qualcosa di importante e di bellissimo che

Postille
15 dicembre

Il gioco di specchi globale di Putin

Vladimir Putin ha iniziato la campagna per le presidenziali russe del 2018, il cui esito peraltro è alquanto scontato, con una conferenza stampa. Nell'occasione ha voluto elogiare apertamente Trump per quanto ha fatto per l'America sul piano economico. Un cenno più che significativo: indica che Putin vuole continuare a tenere aperta la porta del dialogo con il suo omologo

Riquadri
15 dicembre

Caravaggio, Sacra Famiglia con san Giovannino

Alla mostra di Caravaggio di Milano è esposto un suo quadro che forse per la “normalità” del soggetto è difficile vedere riprodotto e che viene anche raramente esposto. È una Sacra Famiglia con san Giovannino, che Roberto Longhi per primo aveva riconosciuto come originale di Caravaggio già nel 1928. Oggi il quadro è di proprietà privata ma è in deposito al

Mondo
14 dicembre

Argentina: il giallo del sottomarino scomparso

La vicenda del sottomarino argentino San Juan scomparso circa un mese fa lungo le coste della Patagonia con 44 marinai a bordo vede uno sviluppo inatteso. Si tratta di un messaggio WhatsApp che ha mandato il comandante in seconda del natante, Roberto Daniel Medina, alla famiglia. «Lunedì ci cercava un elicottero inglese e ieri i cileni. C'è molto movimento laggiù». 

per sostenere il piccolenote