Mondo
16 marzo

Gli Usa hanno il diritto di portare un attacco nucleare preventivo

"Gli Stati Uniti non devono rinunciare al diritto di portare un attacco nucleare preventivo". Così Il Capo di Stato Maggiore dell'esercito Joseph Dunford al Congresso americano. La sua opinione cala come una mannaia sul tentativo degli esponenti del partito democratico di limitare i poteri del presidente sul punto, oggi praticamente insindacabili, dato che una volta

Mondo
15 marzo

Elizabeth Warren dichiara guerra alle big della tecnologia

Il monopolio socio-economico, oramai consolidato, delle grandi aziende tecnologiche come Google, Facebook e Amazon rischia di affrontare una minaccia proveniente dai candidati del partito democratico alle prossime presidenziali USA. Elizabeth Warren, senatrice e candidata alle presidenziali, venerdì scorso ha dichiarato guerra, riporta il Washington Post, allo strapotere

Mondo
15 marzo

Nuova Zelanda: la strage Christchurch

Un attacco "ben pianificato", questo il commento  del premier neozelandese Jacinda Ardern all'eccidio di Christchurch, che ha causato 49 morti, destinati a salire dato che ci sono 20 feriti gravi. E poteva andare peggio, dato che la polizia ha disinnescato ordigni esplosivi piazzati nei pressi della strage... Un attentato di stampo suprematista: tre gli arrestati per ora.

Mondo
14 marzo

Ethiopian airlines: quelle oscillazioni di 15 secondi che accusano la Boeing

Una strana somiglianza accomuna il recentissimo schianto del Boeing 737 Max della Ethiopian Airlines avvenuto ad Addis Abeba, e l’incidente, sempre di un 737 Max, della Lion Airlines, verificatosi a ottobre in Indonesia. Un report del New York Times cerca di chiarire le cause e trovare uno schema che accomuni entrambe le tragedie. Esperti statunitensi e canadesi hanno

Mondo
14 marzo

Gilet gialli: uso eccessivo della forza?

Dall'inizio della protesta dei gilet gialli le azioni repressive della polizia durante le manifestazioni sollevano polemiche. Particolarmente criticato l'uso dell'Lbd (lanceur de balle de défense) che, in dotazione alle squadre antisommossa francesi, ha causato nei 4 mesi di proteste 206 ferite alla testa e 22 mutilazioni tra le file dei giubbotti gialli. Ad

Mondo
14 marzo

Venezuela: incendi, blackout e disinformazione

Un filmato pubblicato dal New York Times il 10/03/19 scagiona Nicolás Maduro dall'accusa di aver incendiato gli aiuti umanitari che gli Stati Uniti avevano inviato in Venezuela a fine febbraio. Aiuti che sono stati al centro di un'accesa controversia, dato che Caracas li aveva rifiutati come parte di un progetto per destabilizzare il Paese. L'assistenza umanitaria,

Mondo
14 marzo

Afghanistan tra oppio, terrorismo e guerra. Il businnes infinito

Continuano le trattative tra Washington e talebani in vista di un ritiro degli Usa dall'Afghanistan. Iniziativa che (forse) porrà fine a un capitolo della "guerra infinita" iniziata da George W. Bush. Un capitolo, quello afghano, che vede l'intreccio inestricabile di guerra, terrorismo e droga, come raccontava un dettagliato articolo del Guardian del 2018 che val la

Mondo
13 marzo

Elezioni in Algeria, le opposizioni in piazza contro Bouteflika

Abdelaziz Bouteflika rinuncia a candidarsi per la quinta volta alla presidenza algerina. Una vittoria delle opposizioni scese in piazza per protestare contro la sua quinta ricandidatura, stanca di un sistema che si identificava con il vecchio politico algerino (al potere da ormai venti anni). Manifestazioni che hanno destato preoccupazione nei militari, asse portante del

Mondo
9 marzo

La polemica sull'influenza della lobby ebraica negli Usa

Ilham Omar, prima islamica eletta al Congresso americano, è al centro di un'accesa controversia internazionale. Già invisa a molti ambiti ebraici per il suo sostegno al movimento Bds - che sostiene il boicottaggio dei prodotti israeliani provenienti dai territori palestinesi occupati - l'esponente del partito democratico ha scosso il mondo con le sue

Mondo
8 marzo

Le fake news e il conflitto tra India e Pakistan

Il New York Times ripercorre l'annoso conflitto tra India e Pakistan, accennando a una possibile, facile risoluzione. Contesa resa ancora più allarmante da una variabile nuova, le fake news che rendono ancora più torbida tale ostilità. Tensione e distensione La guerra tra i due Paesi si inasprì nel 2008 quando dei militanti del gruppo terroristico pakistano