Mondo
13 giugno 2019

Abe a Teheran e l'attacco nello Stretto di Hormuz

Stanotte, mentre Shinzo Abe si trovava in Iran, dove ha incontrato l'ayatollah Khamenei in una difficile missione di pace, due petroliere sono state attaccate nel Golfo di Oman, a sud dello Stretto di Hormuz. Una sembra sia affondata. Affonda con lei anche la missione di pace di cui è latore Abe. Questo almeno il significato simbolico che gli autori dell'attacco hanno

Mondo
12 giugno 2019

Hong Kong: la rivolta anti-cinese e i falchi Usa

Manifestazioni di massa a Hong Kong: una variabile nuova entra nello scontro Cina-Stati Uniti (Forbes). La protesta è rivolta contro un'iniziativa del Parlamento della regione autonoma cinese volta a introdurre la possibilità di estradare a Pechino persone perseguite dalla magistratura del Dragone. Un'iniziativa più che legittima, dato che la stranezza sta nell'attuale

Riquadri
11 giugno 2019

Leonardo, Madonna di Benois

Nell’anno di Leonardo (morì nel 1519) è arrivata in Italia una sorpresa: è un’opera giovanile, conservata all’Ermitage di san Pietroburgo, che resterà esposta fino a fine giugno a Fabriano, nel palazzo della Pinacoteca Civica. La Madonna Benois, che prende il nome della famiglia che ne fu a lungo proprietaria, è un’opera piccola e preziosa (48 x 32 cm) che era

Mondo
11 giugno 2019

Usa: è davvero necessario il veto a Huawei?

La Huawei si è accordata mercoledì con la compagnia telefonica russa MTS per sviluppare reti 5G di nuova generazione. Accordo di alto valore strategico raggiunto durante la recente visita di Xi Jinping a Mosca, che ha cementato il rapporto Russia-Cina. Mts sarà quindi uno degli operatori esteri di cui Huawei si servirà per lanciare la propria tecnologia 5G, dopo che

Mondo
10 giugno 2019

L'ambasciatore Usa in Israele e l'annessione della Cisgiordania

"Le osservazioni dell'ambasciatore statunitense David Friedman della scorsa settimana, il quale ha affermato che gli Stati Uniti darebbero al governo di Israele il via libera per annettere unilateralmente parte della Cisgiordania, equivalgono a uno sputo in faccia ai palestinesi". Tali dichiarazioni "fanno male a chiunque cerchi una soluzione giusta al conflitto

Mondo
10 giugno 2019

Twitter ci rende un po' stupidi

L'uso dei social media appartiene ormai alla nostra vita. Utili, certo, ma se usati male, possono risultare dannosi, come dimostra uno studio su twitter di Gian Paolo Barbetta, professore di economia politica all'Università cattolica del Sacro cuore di Milano. Secondo tale studio, riportato sul Washington post, twitter "renderebbe i suoi utenti un po' stupidi" a detta

Mondo
8 giugno 2019

Xi Jinping: il mio amico Donald Trump...

"Non credo che né i nostri amici americani, né il mio amico Donald Trump vogliano un distacco completo della Cina dagli Stati Uniti". È un piccolo cenno, fugace, quello di Xi Jinping, ma più che significativo. Perché mai prima d'ora aveva chiamato "amico" il presidente americano. Una singolare apertura, quella di Xi, avvenuta al Forum economico di San Pietroburgo, al

Mondo
8 giugno 2019

Bilderberg: armonizzare, ambientare e...petrolio

"Il Bilderberg è un appuntamento di élite. Anzi, è il laboratorio di una nuova élite transatlantica oggi non più prodotta spontaneamente dalla globalizzazione. Tra Brexit, Trump e caos nell'Ue, le due sponde dell'Atlantico sono più lontane ora che al tempo del primo meeting nel 1954". Così Stefano Feltri, giornalista di punta del Fatto Quotidiano, invitato

Mondo
7 giugno 2019

Il piano di pace Usa per il Medio oriente non piace a nessuno

Il Congresso americano approva una legge che istituisce un "Fondo per il partenariato di pace", 50 milioni di dollari diluiti in 5 anni, destinati allo sviluppo economico della Palestina e a creare nuove relazioni tra israeliani e palestinesi per favorirne la riconciliazione. L'iniziativa è stata approvata da repubblicani e democratici e ha incontrato l'adesione di

Mondo
6 giugno 2019

Confermata la visita di Abe in Iran. Spiraglio distensivo

Primo segnale distensivo da Teheran, che finora aveva rigettato tutte le offerte di dialogo avanzate dagli Stati Uniti come vuota retorica. In un'intervista a una rete iraniana, il viceministro degli Esteri, Abbas Araqch, ha dichiarato che spera che la visita di Shinzo Abe a Teheran possa attutire la tensione. Era stato lo stesso primo ministro giapponese a offrirsi come