Mondo
14 novembre

Le dimissioni di Lieberman e l'ambasciatore Usa a Riad

Si dimette il ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman. Il Medio oriente entra in una nuova fase. L'escalation di Gaza La mossa di Lieberman è stata provocata dall'escalation di Gaza, che poteva portare a un nuovo intervento israeliano nella Striscia. Evitato perché Netanyahu ha tirato il freno, trovando un accordo con i palestinesi. Decisione presa contro i

Mondo
13 novembre

Il sovranismo della Merkel e il Gendarme globale

Alla celebrazione per la fine della Prima guerra mondiale di Parigi è risuonato l'allarme di Angela Merkel: i nazionalismi sono un pericolo oggi come al tempo della Grande Guerra. La Merkel allarma Un allarme indirizzato a quella che individua come nuova versione di tale patologia politica, il cosiddetto sovranismo, che vede in Trump il suo alfiere internazionale. Sfida

Mondo
12 novembre

Parigi: la vittoria di Putin e Trump

La celebrazione per i cento anni dalla fine della seconda Guerra mondiale di Parigi doveva essere un'occasione per aprire spiragli di distensione internazionale e così è stato, nonostante le complicazioni causate da indebite ingerenze. Trump - Putin e l'interdizione preventiva Infatti doveva essere l'occasione per un dialogo tra Trump e Putin, un segnale più che

Mondo
10 novembre

L'inferno a Thousand Oaks

Non c'è pace per Thousand Oaks che due giorni fa è stata teatro di una strage attribuita all'ex marine David Long. Un incendio ha devastato la contea di Ventura, nella quale si trova la cittadina. L'inferno in paradiso "'Tutto era in fiamme': l'inferno soffoca la California", è il titolo di un articolo che il New York Times ha dedicato alla disgrazia. Epicentro

Mondo
8 novembre

Avviso ai lettori

Il resoconto di quanto avvenuto in America, giornata di lutto oggi, è alquanto frammentario, data la presa diretta, ma ci pare di qualche interesse. Domani non torneremo sul tema, dati impegni pregressi che ci costringono a riprendere la nostra attività su Piccolenote sabato. Così non potremo continuare la presa diretta, né dar conto di ulteriori sviluppi o chiarire

Mondo
8 novembre

Thousand Oaks, California: primo sangue dopo il voto (2)

Thousand Oaks. Seguendo quanto sta emergendo sulla strage del Borderline Bar & Grill, della quale avevamo riportato le prime notizie media, emergono altri dettagli. Thousand Oaks: killer e suicida A quanto pare il fatto che il killer indossasse una maschera, che ci aveva molto colpito (vedi ad esempio The Indipendent), e non solo noi dato che era ripreso da altri

Mondo
8 novembre

Thousand Oaks, California: primo sangue dopo il voto

Ieri sera un uomo ha fatto strage a Thousand Oaks, cittadina relativamente vicina a Los Angeles, California. Sono dodici le vittime del killer che è entrato nel Borderline Bar & Grill, con un'automatica (sembra) e ha sparato su quanti ballavano. Locale ritrovo di studenti universitari, il killer ha colpito un luogo di svago, durante una festa. Mentre scriviamo, sono

Mondo
7 novembre

Putin e Trump: ritorno al realismo

Putin ripone molte speranze in Trump. Lo ha anche detto a un Forum tenuto di recente a Sochi, spiegando che dopo le elezioni del 2020 Trump sarà più libero di portare avanti la sua politica. A spiegare il senso di Putin per Trump è Dmitri Trenin, direttore del Carnegie Moscow Centre in un articolo pubblicato su Politico, del quale riportiamo alcuni brani. Gli Usa e

Mondo
7 novembre

Midterm: la vittoria di Trump e la sconfitta di Netanyahu

Non avendo perso, Trump ha vinto. Questa la sintesi di quanto avvenuto nelle Midterm Usa, dove i democratici conquistano la Camera e i repubblicani conservano la maggioranza del Senato. Midterm a sorpresa Tanti, fino a un mese fa, pronosticavano il cappotto dei democratici. E se tale esito non è stato ribadito di recente è solo per il timore di subire lo scacco delle

Mondo
6 novembre

Petrolio: sanzioni all'Iran e al mondo intero

Da ieri sono tornate in vigore le sanzioni Usa contro l'Iran, che Barack Obama aveva cancellato con l'accordo sul nucleare. Sanzioni ampliate al parossismo: previste ritorsioni per aziende e Stati che compreranno il petrolio iraniano. Così le sanzioni non sono rivolte al solo Iran, ma al mondo intero. Arrogante quanto folle pretesa globale. Di sanzioni e ossessioni Gli