Chiesa
30 maggio

La frana del santuario di Gallivaggio

In questi giorni ha fatto notizia il crollo che ha interessato il santuario della Madre della Misericordia di Gallivaggio, dove la montagna è venuta giù per un collasso atteso e paventato da tempo. E per questo, in parte contenuto grazie a misure preventive particolari. Ma nonostante tutto, il fatto che non abbia procurato eccessivi danni ha suscitato lo stesso stupore,

Mondo
30 maggio

Il Congresso Usa vuol togliere a Trump il potere di Guerra

"Martedì sera, la Camera ha approvato all'unanimità un emendamento che chiarisce la posizione del Congresso secondo cui non esiste alcuna legge che conferisca al Presidente il potere di lanciare un attacco militare contro l'Iran. Oggi, questo emendamento è stato approvato dalla Camera degli Stati Uniti come parte del National Defense Authorization Act del 2019". Questo

Postille
29 maggio

Lieberman, Shoigu e il Golan occupato

Il ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman domani si incontrerà con il suo omologo russo Sergej Shoigu a Mosca. Notizia non banale, dato che negli ultimi tempi i rapporti tra i due Paesi sono stati tesi. Ciò per l'appoggio incondizionato di Mosca ad Assad e il suo tacito placet al dispiegamento delle milizie iraniane in Siria, nonostante Israele giudichi tale

Postille
29 maggio

Trump e la nuova apertura alla Corea del Nord

Nel fine settimana Donald Trump riprendeva inaspettatamente il filo dei negoziati con la Corea del Nord, interrotti repentinamente e inspiegabilmente giovedì scorso con una missiva inviata al presidente Kim Jong-un. Una ripresa annunciata al modo solito, a colpi di tweet. L'ultimo di questi riprende addirittura i toni entusiasti della prima fase del negoziato: "Il nostro

Postille
29 maggio

Le manette di Weinstein

Venerdì 25 maggio la polizia ha messo le manette ad Harwey Weinstein, il produttore hollywoodiano accusato di violenze sessuali da varie attrici. Una notizia di cronaca nera, ma fino a un certo punto. Se si pensa quanto sia importante Hollywood nel mondo, i soldi che vi girano, e che Weinstein ne era forse il più potente protagonista, si può immaginare che il titolo di

Postille
28 maggio

Sovranità limitata

Sovranità limitata era l'espressione con la quale è stata definita per decenni l'ingerenza straniera in Italia. Nel caso specifico tale limitazione riguardava la politica estera. Da Aldo Moro a Paolo Savona Tante e diversificate le ingerenze indebite in tal senso. Ultima l'omicidio Moro, che fu epifania di tale limitazione e, insieme, ne rappresentò la vittoria

Postille
25 maggio

Corea: la “rottura” di Trump è ad alto rischio

La decisione di Trump di annullare l'incontro  con Kim Jong-sun "rinnova i timori di una destabilizzazione" in Asia. Questo il titolo di un articolo del Washington Post. Un altro articolo dello stesso quotidiano analizza invece i "limiti" della diplomazia del presidente. La rottura: le responsabilità di Trump Per i giornali americani, almeno a stare ai titoli principali,

Postille
24 maggio

Trump dichiara guerra al mondo

Trump annulla il vertice con Kim Jong-un. E lo fa mentre i media del mondo rilanciano la notizia che il presidente nordcoreano ha smantellato il sito per lo sviluppo delle armi nucleari. Tempismo più che sospetto. Corea: vince il "ripugnante" Bolton Vince ancora una volta il "ripugnante" Bolton, come da definizione nordcoreana più che puntuale, il quale ha tentato di

Mondo
24 maggio

Le mail della Clinton e il regime-change siriano

"Per aiutare Israele, la cosa migliore da fare per contrastare la crescente capacità nucleare dell'Iran è sicuramente aiutare il popolo della Siria a rovesciare il regime di Bashar Assad. Le trattative per limitare il programma nucleare iraniano non sono sufficienti a risolvere il problema della sicurezza di Israele". Questo l'inizio di un documento non classificato

Postille
24 maggio

La tragedia ferroviaria di Torino

La giornata di ieri è stata funestata dalla tragedia ferroviaria avvenuta nei pressi di Torino. Due le vittime, tanti i feriti, di cui cinque gravi. Una preghiera per quanti non ci sono più e per quanti ne soffrono le conseguenze. Sul Corriere della Sera un articolo firmato da Floriana Rullo e Giampiero Timossi, dal titolo: «Incidente a Caluso, i testimoni: “La frenata