Postille
10 aprile

Douma e l’Opzione apocalisse

"Non vi rendete conto fino a che livello di rischio state spingendo la situazione internazionale". Così Vassily Nebenzia, ambasciatore russo all'Onu agli Stati Uniti. Un allarme fondato, stanti i venti di guerra. Trump sta valutando un intervento contro la Siria, accusata di aver usato agenti chimici nel quartiere di Douma (vedi Piccolenote). L'asserito attacco chimico a

Mondo
9 aprile

Attacco chimico a Douma: se gli jihadisti scagionano Assad

Strano strano: l'Osservatorio siriano per i diritti umani, totalmente consegnato alla causa del regime-change in Siria, quindi non certo uno strumento in mano ad Assad, non dà alcuna notizia dell'asserito attacco chimico che sarebbe avvenuto a Douma, presso Ghouta orientale. Attacco che l'Occidente attribuisce ad Assad. L'Osservatorio è dedito alla propaganda contro il

Postille
9 aprile

Siria: l’attacco chimico, tragico pretesto

Un altro attacco chimico in Siria scatena la reazione internazionale. "Ora l'America di Trump dovrà colpire. Dovrà rispondere alle immagini spaventose che giungono dalla Siria", scrive Franco Venturini sul Corriere della Sera di oggi. Si potrebbe concordare. Ma difficilmente Washington bombarderà Ryad, che sostiene i jihadisti di Jaysh al-Islam, l'organizzazione

Postille
7 aprile

Aldo Moro (3): l’11 settembre

L'11 settembre del 1973 PInochet prende il potere in Cile. Apparentemente non è che uno dei tanti rivolgimenti sudamericani. Ma quanti capivano le cose del mondo sapevano che non era così. Quel colpo di Stato segnava il ritorno del mostro che si pensava seppellito dalla storia. Quell'11 settembre (potenza evocativa della numerologia) aveva infatti un valore epifanico:

Mondo
6 aprile

Gaza: il duro j’accuse di B’tselem

Oggi un'altra giornata di protesta a Gaza. Hamas ha organizzato una nuova manifestazione ai confini di Israele. E, come accaduto venerdì scorso, pare che tanti siano stati feriti dall'esercito israeliano schierato a presidio. Su quanto accaduto venerdì scorso ha scritto Hagai El-Ad, direttore di B'tselem, il Centro di informazione israeliano per i diritti umani nei

Postille
6 aprile

Quando Bin Salman fece schiaffeggiare Hariri

Tutti ricordano quando il premier di Beirut andò di corsa nella capitale saudita nell’autunno del 2017. Secondo il Newyorker, Saad Hariri ricevette la telefonata con cui era convocato a Riad mentre si stava preparando per il pranzo con Françoise Nyssen, ministro francese della Cultura. L’invito non poteva essere ignorato. Non solo Hariri è cittadino saudita, ma gli

Postille
5 aprile

E se Trump ritira davvero le truppe dalla Siria?

L'intenzione di Trump di ritirare le truppe americane dalla Siria prende consistenza. Tanto che il suo annuncio in Ohio ha avuto un seguito operativo. Il Washington Post, infatti, riferisce che martedì il presidente ha avuto un incontro sul tema con i suoi assistenti. Trump frenato, ma non troppo Ai suoi interlocutori deve aver ribadito quanto detto nella conferenza stampa

Postille
4 aprile

Istanbul: l’asse Putin, Erdogan, Rhouani

Vladimir Putin, Recep Erdogan e Hassan Rhouani si sono incontrati a Istanbul. Un vertice per rilanciare i negoziati di Astana, tesi a ricercare vie di pace per la Siria, ma che potrebbe gettare le fondamenta della nuova geopolitica del Medio oriente. Russia e Turchia, il rilancio di Istanbul  Putin è arrivato un giorno prima, per consolidare i legami tra Turchia e Russia.

Postille
4 aprile

Caso Skripal: l’esercitazione britannica

Torniamo sul caso Skripal per alcuni cenni. Il primo riguarda la geografia: Salisbury, dove sono stati avvelenati con del gas nervino l'ex spia russa Sergej e la figlia Julia, si trova a soli otto chilometri da Porton Down. I misteri di Porton Down Porton Down ospita due strutture vitali dell'apparato difensivo della Gran Bretagna: il  Defence Science and Technology

Mondo
3 aprile

Cina e Russia, mai così unite

Wei Fenghe, ministro della Difesa della Cina, ha visitato la Russia, dove si è incontrato con il suo omologo Sergej Shoigu. "È il primo viaggio ufficiale di Wei" dopo la sua nomina, specifica il Global Times del 2 aprile. Un viaggio "naturale", date le "relazioni sino-russe? O un passo calcolato, dal momento che avviene mentre diplomatici russi vengono espulsi dagli