Mondo
7 febbraio

Crollo a Wall Street

La Borsa è crollata. Il crollo di New York si è ripercosso per tutto il mondo. Ci si è interpellati su questo imprevisto e improvviso crollo, che ha tenuto in ansia per un giorno intero il mondo intero, rievocando fantasmi del passato recente che si sperava esorcizzati. Su quanto accaduto sono state fatte le congetture più svariate. Tanto svariate proprio perché non

Postille
7 febbraio

Di Lupi e migranti

L'omicidio di Pamela Mastropietro e il successivo raid di Luca Traini lacerano l'Italia. Non ne abbiamo scritto prima perché in attesa dell'inchiesta su Pamela: non è la prima volta che un efferato omicidio è attribuito a un extracomunitario poi rivelatosi estraneo ai fatti. Avvenne per la strage di Erba, l'11 dicembre del 2006 (i nefasti 11) quando furono uccisi a colpi

Riquadri
7 febbraio

José Montes de Oca, san Benedetto il Moro

È una scultura in legno alta poco più di un metro e 20. L’ha realizzata, con molte probabilità, un artista sivigliano vissuto tra 1600 e 1700, José Montes de Oca e oggi è conservata in un museo americano, Il Minneapolis Institute of Arts. Inutile sottolineare quanto sia folgorante e quasi spiazzante al primo sguardo: una figura di santo evidentemente africano immersa

Mondo
6 febbraio

Libano e Siria rassicurano Israele

In questi giorni Assad e il presidente libanese Michel Aoun hanno inviato delle missive segrete a Benjamin Netanyahu per dare rassicurazioni riguardo le preoccupazioni espresse da Tel Aviv: la presenza di milizie iraniane e di hezbollah ai confini di Israele e la possibile costruzione in Libano di industrie missilistiche iraniane. Assad avrebbe assicurato che la Siria non

Mondo
5 febbraio

Andreotti e Sigonella

Lirio Abate, sull'Espresso di questa settimana, rende noti stralci dei diari segreti di Arafat. Di grande interesse la parte riguardante il sequestro dell'Achille Lauro da parte di un commando palestinese (1985). L'Italia, secondo la ricostruzione dei diari, contatta Arafat per porre fine alla spinosa vicenda, che rischiava di trasformarsi in un bagno di sangue. Il leader

Postille
5 febbraio

Siria: il jet abbattuto

Ieri e oggi i media italiani hanno riportato la notizia dell'abbattimento di un caccia russo a Idlib, regione che l'esercito siriano e i suoi alleati vogliono riportare sotto il controllo di Damasco. I ribelli abbattono un caccia-bombardiere russo, riportavano appunto i titoli e gli articoli. E ciò nonostante sia noto a tutti che non si trattava di ribelli, ma di

Postille
3 febbraio

Sochi: mezzo fallimento

La settimana scorsa si è svolto un altro round dei negoziati a Sochi, prolungamento di quelli di Astana. Come altre volte, l'assise ha visto la partecipazione di delegati della Turchia, dell'Iran e della Siria, sotto il patrocinio di Mosca. Putin sperava in un passo in avanti significativo nella soluzione del conflitto siriano, che gli potesse consentire di annunciare al

Mondo
2 febbraio

Macron Vs neocon

«L'idea che si possa regolare la situazione di un Paese in modo unilaterale e militare è sbagliata». Così Emmanuel Macron al Parlamento tunisino nel corso di una visita di Stato (le Monde 1 febbraio). «L'Europa, gli Stati Uniti e altri Stati sono responsabili dell'attuale situazione della Libia [...] Abbiamo collettivamente precipitato la Libia nel caos, senza

Mondo
31 gennaio

Uccidere Arafat

Avvertenza ai lettori. Nota alquanto lunga. ma va bene così. Val la pena darle uno spazio adeguato. Uccidere Arafat: la storia di come per decenni gli israeliani abbiano tentato di assassinare il leader palestinese è stata pubblicata da Ronen Bergman il 23 gennaio scorso sul New York Times, grazie alle testimonianze di «centinaia» di ufficiali dell'intelligence e della

Postille
31 gennaio

Il Discorso sullo stato dell’Unione

Ieri Donald Trump ha tenuto il Discorso sullo Stato dell'Unione, appuntamento importante della politica americana, nonostante i neocon avessero prefigurato la sua caduta (o peggio) entro l'anno. Un discorso nel quale ha magnificato i positivi risultati economici della sua presidenza. Cosa vera. L'isolazionismo di Trump non ha portato al collasso l'America, come annunciato

per sostenere il piccolenote