Mondo
7 agosto

Yemen: la Santa Alleanza tra Terrore e coalizione anti-Isis

C'è un accordo segreto tra i combattenti al Qaeda e la coalizione a guida saudita, sostenuta dagli Usa, che combatte i ribelli houti in Yemen. A rivelarlo è stata l'Agenzia Ap, in un report più che interessante. Yemen: l'accordo inconfessabile Nel documentato articolo, frutto di inchieste sul campo, si rivela come alcune vittorie contro il terrorismo, sbandierate da Ryad

Mondo
7 agosto

Gli Stati Uniti: una democrazia militare

"Gli Stati Uniti sono una democrazia militare. Hanno una enorme industria degli armamenti [...] che impiega centinaia di migliaia di persone, assicura il benessere delle regioni in cui le sue fabbriche sono installate, dispone a Washington di una lobby particolarmente efficace". Così Sergio Romano sul Corriere della Sera del 5 agosto. Sergio Romano e la democrazia

Mondo
6 agosto

Iran: sanzioni nuove e antiche

Sorprendente John Bolton sull'Iran. In una intervista alla Fox News, il Coonsigliere alla Sicurezza nazionale Usa sembra porgere un ramoscello di olivo a Teheran: "Potrebbero accettare l'offerta del presidente di negoziare, di rinunciare ai loro programmi sui missili balistici e sulle armi nucleari in modo pienamente e realmente verificabile, non  nei termini onerosi

Mondo
6 agosto

Venezuela: l’attentato a Maduro

Nicolás Maduro sabato scorso è scampato a un attentato, quando due droni carichi di esplosivo sono stati lanciati contro di lui. Le accuse di Maduro L'assassinio è fallito perché la guardia del corpo del presidente venezuelano è riuscita ad attivare contromisure elettroniche che hanno disturbato il controllo remoto dei velivoli senza pilota: privi di guida, sono

Mondo
3 agosto

Yemen: l’eccidio di Hodeida

Ieri un bombardamento aereo su un ospedale di Hodeida fa oltre 55 morti e 100 feriti. La guerra in Yemen incrudelisce. Più volte abbiamo accennato alla distrazione dei media mainstream su tale conflitto. Ben altra attenzione ha avuto la guerra siriana e in specie i cosiddetti "crimini di Assad" (nonostante dichiaratamente criminali, e terroristi, fossero tanti/tutti i suoi

Postille
2 agosto

Accordo Hamas – Israele?

C'è aria nuova in Palestina. Sembra sia vicino un accordo tra Hamas e Israele. Una svolta. Erano giorni che la possibilità era nell'aria, nonostante gli scontri al confine della Striscia. E sembra proprio sia arrivato il momento. La lunga contesa di confine tra Israele e Hamas Netanyahu, scrive Haaretz, ha cancellato in tutta fretta un viaggio in Colombia per seguire da

Postille
2 agosto

Ripristinato il vecchio confine Siria-Israele

Il generale Sergej Rudskoj, comandante delle Forze russe in Siria, ha dichiarato che Damasco ha ripreso il controllo di tutto il Sud del Paese, ripristinando la vecchia frontiera tra Siria e Israele. Il gradimento a sorpresa del falco israeliano  A sorpresa, lo sviluppo è stato salutato positivamente dal ministro della Difesa israeliano Avigdor Liberman: "La situazione sta

Postille
2 agosto

Iran e Usa: aperture e diplomazia sottotraccia

Prove di dialogo con l'Iran: ci incontreremo con gli iraniani "molto presto", ha affermato infatti Donald Trump martedì scorso, dopo che lunedì aveva dichiarato di essere pronto a dialogare con Teheran "senza precondizioni". Un uno-due che ha spiazzato i sostenitori della linea dura con Teheran, che son "legione", i quali hanno immaginato di trovare in Mike Pompeo una

Postille
1 agosto

I talebani e le trattative afghane

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha preso una posizione singolare nei confronti del Pakistan. Intervenendo a gamba tesa, ha affermato che il Fondo monetario internazionale non deve dare seguito alla richiesta del Pakistan di un prestito di 15 miliardi. Prestito che serve a Islamabad per pagare i debiti contratti con la Cina per spese connesse allo sviluppo della Via

Postille
31 luglio

Pakistan: vince Khan, perde l’Arabia Saudita

Imran Khan è il nuovo Primo ministro del Pakistan. Il suo partito, il movimento per la Giustizia, si è imposto nelle elezioni della scorsa settimana. Decisiva la sua fama sportiva, dato che Khan è stato stella di prima grandezza del cricket,  sport nazionale. Per il Paese asiatico, e non solo, la sua vittoria può essere una svolta. Khan e la sconfitta dell'Arabia