4 marzo 2020

Israele-Usa: il verdetto del Super Martedì

Le elezioni politiche israeliane e le parallele primarie del partito democratico hanno dato il loro verdetto: il ritorno prepotente di Joe Biden e quello di Benjamin Netanyahu.

Ma se per Biden è una resurrezione, tale parola potrebbe non essere applicabile al premier israeliano, dato che, anche se il suo partito ha stravinto, la sua coalizione non ha raggiunto i 61 seggi necessari per formare un governo.

Operazione Biden

Ma andiamo per ordine, partendo dagli Usa, dove tanti Stati sono stati coinvolti nelle primarie del partito democratico. L’establishement del partito aveva un imperativo, fermare la corsa di Bernie Sanders. Ed è riuscito nell’intento.

Tale imperativo ha portato il partito a chiedere a Pete Buttigieg e Amy Klobuchar, che avevano riscosso un certo successo nelle elezioni precedenti, di ritirarsi a favore di un candidato espressione dell’establishement. E così hanno fatto.

Un’operazione studiata fin dall’inizio delle primarie, quando l’establishement ha creato dal nulla le candidature di Buttigieg e Klobuchar, facendo convergere su queste figure, fino ad allora ignote, voti e consensi e portandoli all’attenzione dell’elettorato.

Il loro ritiro dalle primarie prima del Supermartedì era dunque questione scontata. Restava da decidere se far convergere quei voti sull’oligarca Michael Bloomberg o sul claudicante Biden, l’ex vice-presidente di Obama, il cui astro, prima brillante, si stava spegnendo.

Bloomberg fuori dai giochi

L’establishement del partito ha capito che l’oligarca era un’opzione errata. Nonostante abbia speso milioni su milioni, la sua campagna elettorale non dava risultati apprezzabili.

Da qui la scelta di far convergere i voti di Buttigieg e Klobuchar su Biden, opzione alla quale ha contribuito non poco la prossimità di questi a Obama, l’unico in grado di spostare in maniera significativa i voti degli afro-americani, elettorato importante per i democratici (peraltro, pare si sia mosso in prima persona per far ritirare i due).

E così è stato. Vince Biden, dunque, anche se i contorni di questa vittoria sono incerti, dato che Sanders si è affermato in California, che ha un peso importante in queste competizioni.

Così le primarie democratiche si aggiustano secondo i desiderata dell’establishement, anche se ancora manca un pezzo di strada da percorrere. In questo tratto finale sarà importante la scelta di Elizabeth Warren, candidata che finora aveva goduto di un certo successo, ma che non è riuscita a vincere nel suo Stato.

Le affinità elettive che la legano a Sanders, essendo anche lei espressione della sinistra democratica, cozzano con certa antipatia personale, che recentemente ha diviso i due. Se anche lei dovesse salire sul carro di Biden, per Sanders sarebbe ancora più arduo recuperare.

Sanders silurato

Si è avverato quel che aveva pronosticato Trump, che alla vigilia del Super Martedì aveva messo in guardia Crazy Bernie, come lo chiama affettuosamente, dalle manovre del partito democratico per farlo “fuori dai giochi”, togliendogli nuovamente la nomination.

Detto questo, Sanders, come successe nel 2016 durante il duello con la Clinton, non molla di un millimetro. Sa che, adesso che la corsa si è fatta a due, può far incanalare verso di sé i voti anti-establishement finora dispersi altrove. Si conferma politico di razza.

Resta la tristezza per le mosse di Barack Obama che, nonostante le ambiguità, pure aveva incarnato un ideale anti-establishement.

Il Nobel per la pace ad honorem, mai meritato sul campo, avrebbe potuto risultare decisivo nella trasformazione del partito democratico, mettendo la sua esperienza a favore di Sanders piuttosto che sperare in una reiterazione, peraltro ipotetica, della sua passata amministrazione tramite Biden.

Se la corsa per la nomination andrà come nel 2016, incerta fino alla fine, Obama potrebbe ancora fare una mossa a sorpresa, favorendo un avvicinamento Biden-Sanders, con Biden, se ancora favorito, a offrire al senatore del Vermont la vice-presidenza. Tale duo potrebbe peraltro risultare vincente su Trump, ma è un’opzione al momento quasi impossibile.

La vittoria, ad oggi vana, di Netanyahu

Alle primarie democratiche ha fatto eco l’elezione di Israele, che ha visto una massiccia affermazione di Netanyahu, che un riflesso servile pavlovliano dei media mainsetram ha salutato come grande vittoria.

Ad oggi, la grande vittoria appare solo l’ennesimo gioco di prestigio, o, se si vuole, una vittoria di Pirro, stante che il blocco di destra che guida non ha i voti per formare un governo.

Così tutto resta ancora sospeso, anche se il buon risultato e la prospettiva di evitare una quarta elezione dà a Netanyahu un certo spazio di manovra. Sta cercando di reclutare transfughi dal blocco antagonista e, allo stesso tempo, rilanciando l’idea di un governo di unità nazionale con lui come nocchiero. Ma è presto per capire eventuali sviluppi. Ad oggi la sua vittoria resta virtuale, mentre reale resta lo stallo.

Nota a margine. Peraltro, il candidato Biden presenta il vulnus dell’inchiesta  della magistratura ucraina sulle attività di suo figlio svolta in quel Paese, che lui si è vantato di aver chiuso allontanando il procuratore. Debolezza che sarà usata da Trump nell’eventuale duello contro di lui e da clintoniani e neocon, che oggi lo stanno coprendo, per ricattarlo se eletto presidente… 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page