2 novembre 2019

Del ritornare

Finito l’impedimento che ci ha allontanato dal nostro lavoro, comunichiamo ai nostri lettori che Piccolenote riprende a raccontare il mondo, a suo modo e con i suoi tempi (si inizia col riguardar le cose, per scrivere serve tempo e riflessione). Avevamo scritto di un impedimento passeggero. Non è stato così e ce ne scusiamo.

All’impedimento si è aggiunto altro e più doloroso, che ha a che fare con la matematica celeste – espressione che mi è cara in questi giorni -, che sottrae, dura legge della sottrazione, e che insieme, in tempi e modi che non appartengono, può moltiplicare. Come le due cose possano stare insieme appartiene, appunto, a quella matematica celeste che non è dato comprendere, solo attendere.

Magari cullati, se accade, in quell’abbraccio celeste che quella matematica padroneggia e cura: “… come bimbo svezzato in braccio a sua madre, come un bimbo svezzato è l’anima mia”.

Così concludiamo questa piccola nota col ritornare all’usato lavoro, dopo un distacco che aiuta a ricollocare le cose al loro posto, a relativizzare e relativizzarsi, a mettersi in quell’angolo riposto dal quale le cose si vedono più chiare e centrate. Quel distacco che aiuta a guardare meglio questo povero mondo, che in fondo solo quell’abbraccio celeste attende, anche se magari non lo sa. Fa nulla. Tutto porta, tutto attende, tutto spera. Tutto, cioè il Paradiso.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page
30 marzo

Buona Pasqua