5 maggio

Bartali, ovvero Gino il pio

Il 4 maggio lo Stato di Israele, in occasione della partenza del Giro d’Italia da Gerusalemme, ha insignito della cittadinanza onoraria postuma Gino Bartali, il grande ciclista italiano.

Un riconoscimento più che raro, che viene dopo che il campione era stato designato “giusto tra le nazioni” dal Museo dell’Olocausto di Gerusalemme.

Perché il grande campione era anche un grande uomo: durante la guerra ha salvato ottocento ebrei.

Un grande uomo o, meglio, un uomo con una grande fede, come avevano capito i francesi, che lo avevano soprannominato “Gino il pio”.

Di lui e della sua storia potrete leggere sul sito dell’Associazione don Giacomo Tantardini (cliccare qui).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page