12 dicembre

Il tour mediorientale di Putin

Il viaggio in Medio oriente che ha portato Vladimir Putin in Siria, Egitto e Turchia è stato descritto dalla comunità internazionale e dai media occidentali come un trionfo.

Con tale visita Putin ha dimostrato che la Russia è ormai tornata in via definitiva in Medio oriente dopo esserne stata scacciata a seguito dell’intervento americano in Iraq.

La Siria non è stato come l’Afghanistan, come avevano previsto i suoi tanti nemici. E se la sconfitta di allora fu uno dei segnali del collasso imminente della Russia, la vittoria della guerra siriana ha invece rilanciato Mosca a livello globale.

L’annuncio fatto da Putin del ritiro di parte del contingente russo inviato in Siria ha infatti il significato simbolico che la guerra siriana è finita, ora occorre vincere la pace, impresa che non sarà meno impervia della precedente.

Così, pressapoco, inizia un articolo che ho scritto per Occhi della guerra, al quale rimando chi fosse interessato (cliccare qui).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page
per sostenere il piccolenote