7 agosto

Trump, le sanzioni anti-russe e il vertice di Manila

L’amministrazione americana non si piega alle pressioni dei suoi avversari interni, che oltre al partito democratico annovera molti esponenti repubblicani. Come si è visto all’atto del varo delle sanzioni contro la Russia, votate da quasi tutto il Congresso.

[…] Però subito dopo la firma, ha voluto ribadire che la ricerca di un accordo con Mosca resta tra le priorità della sua amministrazione. Una determinazione rilanciata tramite l’annuncio del suo Segretario di Stato Rex Tillerson, che subito dopo la firma delle sanzioni ha comunicato la sua volontà di incontrarsi con il ministro degli Esteri russo Sergeij Lavrov a margine di un vertice dell’Asean che si è tenuto a Manila il 6 agosto.

Inizia così un articolo che ho scritto per Occhi della guerra. Per leggere l’integrale, cliccare qui.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page
21 novembre

La Siria post-Isis

per sostenere il piccolenote